Milan, Correa dipende dall’effetto domino

Il Milan è in attesa di passi avanti per il colpo Correa. Come abbiamo detto a più riprese, questo affare dipende tutto da Jorge Mendes e dalla sua longa manus. Il superagente portoghese sposta i propri assistiti con grande disinvoltura.

In tutto questo c’è da vendere André Silva, per il quale l’affare con il Monaco è saltato, forse definitivamente. Cutrone è stato già spostato mentre Suso, assistito da Alessandro Lucci, ha ribadito la sua volontà di rimanere, fermo restando la presenza di offerte.

Corea non è ancora arrivato al Milan a causa di un gioco di incastri che deve iniziare. Dopo Cutrone va ceduto anche André Silva, come detto. L’addio di Suso consentirebbe di prendere l’argentino e rispettare il Fair Play Finanziario. In caso contrario andrenno fatte cessioni minori se si vorrà soddisfare l’UEFA.

Il Milan ha intanto il sì di Correa, ma in queste operazioni comanda Jorge Mendes. Rodrigo sembrava diretto verso l’Atletico, ma lo spagnolo non si è spostato, almeno per adesso. E non va dimenticato il fatto che il Milan ha bisogno di un vice Piatek. Marega e Petagna sono solo alcune delle ipotesi. Da vedere se questo profilo sarà portato dal solito Jorge Mendes o arriverà indipendentemente.

Il superagente portoghese punta a muovere calciatori da e verso l’Atletico per 300 milioni di euro. I Colchoneros sono una delle roccaforti. I tasselli vanno però incastrati. Mendes può avere le sue mire, ma i club vanno comunque soddisfatti. Pertanto, il Milan deve ricevere offerte convincenti per André Silva e, a sua volta, deve offrire cifre soddisfacenti per Correa.

Banner 300 X 250 – Lieto – Post
Potrebbe piacerti anche