Lazio, adesso possiamo contestare Lotito per il mercato?

Claudio Lotito non è ben voluto da una fetta della tifoseria della Lazio. Il presidente biancoceleste non ha un carattere facile e spesso si scontra con pensieri, opinioni e atteggiamenti delle controparti. C’è da dire che i tifosi spesso non hanno chiara una cosa: presidenti, calciatori e allenatori quasi sempre se ne infischiano di ciò che pensano i tifosi. Presidenti come Lotito o De Laurentiis sfidano poi spesso le piazze.

Detto questo, Lotito divide la piazza. Se da un lato, la Lazio ha strappato più di un trofeo alla Juve in questi anni, dall’altro lato la squadra non ha mai raggiunto la qualificazione ai gironi di Champions. C’è chi adduce come motivazione il fatto che Lotito non abbia interesse a partecipare, altrimenti i costi schizzerebbero verso l’alto, così pure c’è chi dà come motivo la strategia troppo conservativa da parte della Lazio.
Il calciomercato attuale avrebbe potuto segnare una svolta con la cessione di Milinkovic-Savic, ma ogni giorno che passa il serbo si avvicina alla permanenza. Un suo addio alla Lazio sarebbe stato utile solo in presenza di offerte particolarmente allettanti, con la possibilità quindi di aumentare la qualità della rosa e alzare il monte ingaggi. In caso contrario, tenersi in rosa un calciatore di grande livello non fa mai male…
Ad oggi, praticamente a metà agosto, la Lazio non ha effettuato cessioni particolari e ha sistemato fasce e difesa. Il calciomercato attuale è stato quindi positivo e non si possono muovere grosse critiche, ma manca il centesimo per fare l’euro.
In tutti questi anni la Lazio è calata in primavera perché la rosa non era sufficientemente ampia. Fermo restando la permanenza dei migliori, sarebbe quindi fondamentale rimpinguare centrocampo e attacco con alternative di livello. Lotito non è pertanto contestabile allo stato attuale, ma il giudizio è sospeso e la speranza per chi ama la Lazio è che finalmente venga messa la firma al quadro che è stato dipinto…
Banner 300 x 250 – Caseificio – Post
Potrebbe piacerti anche