spinazzola napoli

Da oggi, dopo cinque anni di Roma, Leonardo Spinazzola è a tutti gli effetti un giocatore svincolato. “Spina”, in giallorosso dall’estate del 2019, ha collezionato 151 partite, 7 gol e 21 assist oltre a un numero imprecisato di chilometri macinati sulla fascia. Incontenibile quando in forma, quanto fragile e discontinuo a livello fisico, con la rottura del tendine di Achille ad Euro 2020 che ha fatto da spartiacque ad una carriera fatta di alti tecnici e bassi fisici. Con la Roma, Spinazzola ha vinto una Conference League, e nel periodo in giallorosso si è laureato campione d’Europa in quella magica estate del 2021.

La carriera di Spinazzola non è assolutamente ai titoli di coda e potrebbe vivere una seconda giovinezza nel Napoli di Conte, che lo apprezza da sempre e potrebbe convincerlo a vestire la maglia dei partenopei. In attesa però di conoscere il suo futuro ecco il bel messaggio d’addio postato sui social: 

“Carissimi romanisti, È con un misto di emozione e tristezza che scrivo questo messaggio per salutarvi. Dopo un’esperienza indimenticabile, è giunto il momento per me di salutare Roma. Abbiamo gioito e abbiamo pianto, abbiamo esultato e abbiamo sofferto, insieme. Insieme abbiamo toccato il cielo a Tirana, insieme ci siamo rialzati da notti come quella di Budapest. 

Durante il mio tempo a Roma ho anche avuto l’onore di sollevare l’Europeo con la Nazionale Italiana. Ho vissuto momenti di gioia e orgoglio, che rimarranno impressi nella mia memoria per sempre. Ma ho anche affrontato momenti difficili. In quei momenti bui, ho sempre sentito il vostro sostegno. Mi avete dato la forza di lottare per tornare più forte di prima. Ogni volta che sono sceso in campo, ho lottato e sudato con tutte le mie forze per questi colori”.

“Roma rimarrà sempre nel mio cuore. Sono fiero di aver contribuito al percorso del club, di aver riportato Roma e la Roma nei più grandi palcoscenici d’Europa, di aver dato tutto me stesso in campo e di aver condiviso momenti di gioia e di sofferenza con voi. Vorrei ringraziare ogni persona che ha fatto parte del mio viaggio qui. Dai compagni di squadra allo staff tecnico, società, tifosi. Ognuno di voi ha contribuito a rendere questa esperienza unica. Grazie per avermi sostenuto, incoraggiato e per avermi fatto sentire parte della vostra famiglia. Con affetto, Leo”.