Olanda-Austria 2-3: Rangnick nella storia, austriaci primi nel Gruppo D

All’Olimpia Stadium di Berlino va in scena Olanda-Austria partita valida per il Gruppo D di Euro2024. Olanda che guida il girone a 4 punti insieme alla Francia, seconda solo per la differenza reti. Koeman che si affida alla coppia d’attacco Gakpo – Depay – Malen, è costretto a cambiare Frimpong e Dumfries. Austria con il solo Arnautovic in avanti, supportato da Sabitzer, è in cerca almeno di un pareggio per agguantare una qualificazione come miglior terza.

Primo tempo segnato dall’autogol di Malen su un cross di Prass, che segna l’1-0 austriaco. Olanda che nel secondo tempo trova subito il pareggio con Gakpo, poi ancora Austria avanti con Schmid, di nuovo pareggio olandese con Depay, e gol vittoria di uno straordinario Sabitzer per sigla il definitivo 3-2 per l’Austria che si qualifica prima nel girone D.

Olanda-Austria 0-1: un autogol di Malen spezza le gambe agli Orange

Parte forte l’Austria dopo appena due minuti, con Prass che mette al centro un bel pallone che però Sabitzer non riesce ad agganciare. Olanda in difficoltà, colta di sorpresa dall’aggressione austriaca. Passano appena 3 minuti ed ancora Prass mette in difficoltà la difesa olandese, questa volta sbaglia l’intervento Malen che sorprende Verbruggen, battendo il suo stesso portiere per l’autogol dell’1-0: Olanda- Austria 0-1.

Olanda stordita dall’intraprendenza di della squadra di Ragnick che ha alzato il pressing mettendo in estremo difficoltà gli Orange. Al 23esimo proprio Malen ha l’occasione di riscattarsi ed approfitta di una dormita di Prass, ma l’attaccante del Borussia sbaglia clamorosamente e la mette a lato della porta austriaca.

Olanda compassata e con poche idee, e nella fase centrale del match le due squadre non riescono a creare molto. Austria che riparte e prova a sorprendere la difesa di Koeman, che però chiude sempre ottimamente. Ancora Austria in avanti, prima con Sabitzer fermato bene dal portiere, poi Arnautovic prova il tocco davanti a Verbruggen, che non blocca il tiro. L’attaccante dell’Inter, però, non riesce nel tap-in vincente e sbaglia clamorosamente.

Austria vicina al 2-0 al 38esimo della prima frazione di gioco. Fase finale del primo tempo che vede ancora l’Austria padrone del gioco ed Olanda in difficoltà sia nel creare, sia nella fase difensiva. Le due squadre terminano la prima parte di gara: Olanda-Austria 0-1

SuperSabitzer, porta l’Austria agli ottavi, Orange battuti 3-2

Seconda tempo che inizia con Olanda diversa grazie all’entrata di Xavi Simmons. Il talento del PSG recupera, accelera e serve Gakpo che batte il portiere austriaco al 47esimo per l’1-1 degli Orange. Primo errore a centrocampo dell’Austria è costato il pareggio alla squadra di Rangnick. Neanche 10 minuti e l’Austria torna in vantaggio con la rete di Schmid, ma grande merito, però, del numero 10 austriaco Grillitsch che batte Verbruggen: Olanda-Austria 2-1.

Olanda che trova il pareggio con Menphis Depay su una bella sponda di Weghorst. Depay stoppa il pallone e calcia in una frazione di secondo, battendo Pentz per il pareggio: Olanda-Austria 2-2 al 76esimo. Neanche 3 minuti ed Austria di nuovo in vantaggio con Sabitzer il numero 9 viene colto perfettamente dal passaggio filtrante perfetto di Baumgartner che pesca l’attaccate che non ha problemi a battere il numero1 olandese per il 3-2 della squadra di Rangnick.

Austria che aveva segnato il gol del KO con Baumgartner che sigla il 4-2 che viene annullato per fuorigioco. Austria padrona del campo in questo finale, con gli Orange che non riescono a reagire dopo il vantaggio degli austriaci. Olanda che prova ad attaccare con tutti gli effettivi, ma difesa austriaca insuperabile. Partita che termina con l’Austria che entra nella storia, prima nel Gruppo D con Francia ed Olanda, impresa della squadra di Rangnick.