Il mercato della Lazio potrebbe accendersi in qualsiasi momento, ma prima bisogna trovare una quadra comunicativa che ad ora manca. Infatti i segnali che emergono non sono idilliaci e la tifoseria ha rigettato l’ennesima rivoluzione (o involuzione) attuata da Claudio Lotito. Tante sono state le contestazioni verso le scelte intraprese dal patron e le voci di calciomercato non sono delle migliori. Si parla di Noslin del Verona, di Dia della Salernitana, di Greenwood, ma ad ora sono solo chiacchere. Molti esperti di mercato parlano di involuzione tattica e di poca duttilità tecnica. Oltre i nomi citati, Il Corriere dello Sport, ha evidenziato come Lazar Samardzic sia una pista percorribile, ma con degli ostacoli non proprio facili da superare.

La concorrenza della Juventus è spietata verso il centrocampista dell’Udinese attualmente impegnato con la Serbia ad Euro2024. Il costo del cartellino è di 20 milioni di euro, che per le casse della Vecchia Signora sono sostenibili, mentre per quelle della Lazio non si è ancora capito. Il piano di Lotito per portare a Roma Lazar Samardzic è complesso, ma non del tutto irrealizzabile. Infatti la dirigenza potrebbe inserire come contropartita tecnica Akpa-Akpro o Basic, ma l’Udinese ha intenzione di valorizzare i progressi del suo centrocampista. Sarà dunque una calda estate per i tifosi della Lazio che devono capire quale siano i programmi per la prossima stagione.