Euro2024: Eins zwei drei e Svizzera vai! 3-1 all’Ungheria e risposta alla Germania

Allo stadio Cologne Stadium si è disputata la seconda partita del Girone A valido per Euro2024 tra Ungheria e Svizzera. A vincere sono stati gli Elvetici per 3-1 grazie ai gol di Duah, di Aebischer ed Embolo, mentre di Varga per i Mangiari. La Svizzera ha risposto alla vittoria sontuosa della Germania contro la Scozia e si assesta al secondo posto. Prossima giornata del Girone A: Germania-Ungheria e Scozia-Svizzera calendarizzate il 19 luglio.

Primo Tempo Ungheria-Svizzera Euro2024

La prima azione di questa sfida è stata sui piedi di Ndoye, giocatore del Bologna, che ha superato abilmente Kerkez ma il suo traversone non è stato colto da nessuno. Si è vista in area anche l’Ungheria con Sallai, una delle stelle del Friburgo e della Nazionale allenata da Rossi, ma la sfera è stata calciata malamente ciccando la mira. A passare in vantaggi sono stati gli elvetici allenati da Yakin grazie ad una rete di Duah, calciatore che milita nel Ludogorets: l’attaccante natio in Inghilterra (e titolare a sorpresa oggi) ha saputo gestire il perfetto assisti di Aebischer (centrocampista del Bologna, ex Young Boys). Inizialmente l’arbitro Vincic non ha convalidato la rete, ma dopo la revisione ha ufficializzato il gol.

Dopo il gol subito l’Ungheria ha rischiato con Vargas di subire il 2-0 al minuto 20: ancora una volta Aebischer, uno dei migliori in questa prima parte di gioco, ha servito un pallone delizioso all’attaccante dell’Augusta, classe 1998, ma Gulacsi ha respinto abilmente. L’esperto portiere del Lipsia si è dimostrato abile in questa occasione. La prima vera e importante occasione dell’Ungheria è stata sui piedi di Dominik Szoboszlai, stellina del Liverpool e uno dei migliori centrocampisti dei mangiari: dalla lunga distanza ha cercato di mettere scompiglio nell’area di rigore avversaria, ma Sommer ha svettato su tutti chiudendo abilmente l’azione. Al 45′ però la Svizzera ha raddoppiato: Aebischer dalla distanza ha battuto Gulacsi per un 2-0 più che meritato. Il classe 1997 ha giocato un sontuoso primo tempo e questo gol è solo la perla di una prestazione più che ideale. Male l’Ungheria in questi primi 45 minuti: Varga, attaccante del Ferencváros che potrebbe essere oggetto di mercato da parte di qualche squadra di bassa classifica di Serie A, non è stato servito ottimamente dal centrocampo e non è riuscito a pungere Sommer.

Secondo tempo Ungheria – Svizzera

La ripresa del match tra Ungheria e Svizzera con un cambio: fuori Bolla per Lang e fascia di capitano a Szoboszlai. Rispetto al primo tempo i Mangiari hanno creato maggiori azioni provando ad improntare la sfida sul palleggio e sulla velocità. Al 51′ Sallai ha servito Szoboszlai che di prima intenzione ha calciato in porta, ma il giocatore del Liverpool era in fuorigioco. 6 minuti più tardi il centrocampista non è riuscito a trovare lo spicchio della porta per un non nulla. Con la fascia di capitano, Szoboszlai si è trasformato ritornando ad essere quel giocatore che abbiamo ammirato in Premier League, ma come detto per Varga, non è supportato dalla squadra e ha fatto fatica ad incrementare la mole di gioco.

Poco dopo l’ora di gioco Varga ha iniziato un vero e proprio duello con Sommer: al 64′ Sallai ha messo un cross dalla sinistra e l’attaccante ha impattato al meglio, ma clamorosamente ha spedito la palla fuori col portiere dell’Inter che ha accompagnato con lo sguardo. 2 minuti più tardi l’attaccante del Ferecvaros è stato servito ottimamente da Szoboszlai e abilmente ha staccato di testa battendo a rete. Bel gol del classe 1994 al suo settimo gol alla nona presenza in Nazionale. Girandola di sostituzioni: dentro per la Svizzera Stergiou e Amdouni ed escono Widmer, Duah, mentre per l’Ungheria Kleinheisler per Nagy. Dopo aver subito le azioni, la Nazionale svizzera è tornata a farsi sotto grazie a Ndoye, ma il suo tiro è stato deviato in angolo. Rispetto alla prima parte della sfida l’Ungheria ha reagito al meglio facendo rivedere quanto di buono realizzato durante le qualificazioni ad Euro2024.

Yakin ha poi inserito Embolo per Vargas rimodulando così l’asset della Svizzera. Dopo l’azione di Ndoye, l’Ungheria ha arretrato il baricentro e Schar è riuscito a penetrare il muro difensivo sfiorando al 75 il 3-1. Dopo questa avvisaglia il CT Rossi ha tolto dal campo Kerkez e Szalai (stremato) per Adam e Dardai. La vena offensiva dell’Ungheria si è riaperta con Varga, ma ancora una volta la difesa ha chiuso bene l’azione. Ultimi cambi per gli elvetici: dentro Rieder per Ndoye e Sierro, esce Freuler. Nei minuti finali la Svizzera con Embolo ha chiuso definitivamente la sfida con la rete del 3-1. L’attaccante del Monaco ha saltato Gulacsi con un pallonetto e tris che ha chiuso i conti.