Il Torino ha qualche piccole possibilità di entrare in Europa e contro l’Atalanta darà il 101%. Questa ultima partita per i granata potrebbe dare il via ad una pesante rivoluzione tecnica e tattica. La volontà è quella di regalare l’ultimo canto del cigno ai tifosi per questa stagione e magari sperare di poter entrare nella lunga lista delle squadre che giocheranno in Europa (se la Fiorentina vincerà la Conference League contro l’Olympiacos). Sarà anche una sfida tra maestro (Gasperini) e allievo (Juric) che hanno caratterizzato il lungo arco di queste ultime annate. L’Atalanta, fresca vincitrice dell’Europa League contro il Bayer Leverkusen, ha voglia di dare una bella ondata di gioia ai tifosi che saranno allo stadio per ringraziare la squadra bergamasca.

Foto twitter account Serie A

Ivan Juric ha presentato la sfida tra Atalanta e Torino, ultima sfida di questa stagione per i granata, come ha riportato ToroNews: “Il nostro obiettivo è vincere. Manca una partita. Contro il Milan abbiamo fatto una grandissima prestazione per gioco e attaccamento. Vogliamo ripeterla domani e poi vedere quello che succede con la Fiorentina. E’ importante domani, intanto, contro una squadra che per la mentalità che ha non fa calcoli, loro si esprimono sempre al massimo e hanno tanti giocatori per le rotazioni. Mancherà Rodriguez, magari lo porto in panchina in caso di emergenza, ha male ad una caviglia e non potrà giocare dall’inizio sicuramente. Poi vedremo se ci sarà bisogno di buttarlo dentro”. Il mister ha poi dato un consiglio al presidente Cairo: “Se vendi i migliori devi essere bravo a comprare giocatori bravi per ricostruire, se invece li vuoi tenere ti devi sbilanciare e mettere altri giocatori dentro per salire di livello, ma bisogna vedere se i giocatori vogliono rimanere, perché quando vogliono andare via sei praticamente costretto a venderli”.