La Juventus ha deciso di non attendere la fine della stagione e ha esonerato Massimiliano Allegri a due giornate dal termine, affidando a Montero la panchina ad interim. Gli occhi dei tifosi bianconeri sono però già orientati al futuro che, per quanto riguarda la guida tecnica, dovrebbe essere affidata a Thiago Motta. Seppur vi sono pochi dubbi a riguardo, il condizionale è d’obbligo dato che ancora nessuna ufficialità è stata diramata. I dirigenti del Bologna sperano ancora di poter convincere l’ex PSG a restare, ma ad oggi – nonostante la qualificazione in Champions League dei rossoblù – appare difficile.

A soffermarsi sulla questione allenatore della Juventus è anche il giornalista Massimiliano Nerozzi che, ai microfoni di ‘Tutti Convocati’ ha detto: “Non è piaciuto a molti l’addio di Allegri, nemmeno a lui stesso ovviamente. E’ rimasto qui in città. Ha parlato con alcuni tifosi e alcune persone di determinate cose è pentito. Penso sia però stato un finale inevitabile tra la Juventus e Allegri. Era ampiamente saltato il galateo, con diversi scazzi durante la stagione, anche pubblicamente. Questa conclusione è triste e a tratti isterica, ma è la risultante di una incomunicabilità abrasiva. Per il futuro tutti gli indizi portano a Motta. I miei amici di Bologna dicono che lui sia uno stranino; uno che magari domani si sveglia e decide di andare in Finlandia. Ma noi non abbiamo raccolto informazioni su piani B o C della Juve in questi mesi, se non lui.”