Il presente che sfida il futuro. Questo concetto riassume perfettamente la sfida tra la Juventus e il Bologna, coi bianconeri che affrontano il quasi sicuramente prossimo loro allenatore, Thiago Motta. Dopo appena un minuto rischia la Signora sul pressing alto dei rossoblù e, infatti, sul calcio d’angolo nato dalla conclusione precedente, i padroni di casa vanno in vantaggio con Calafiori che riceve la sfera su deviazione e conclude con potenza in porta. Inizia nel peggiore dei modi l’esordio – seppur temporaneo – di Montero su una panchina di Serie A, andando in svantaggio in appena due minuti. Pochi minuti e altra rete del Bologna; cross meraviglioso di Urbanski che trova la testa di Castro e buca una difesa, tutt’altro che perfetta, e realizza il 2-0.

mercato juventus
Foto twitter account Bologna FC 1909

Dopo 20 minuti di gara, Juventus non pervenuta con solo il Bologna a proseguire l’assalto agli avversari. Giunti a metà primo tempo, la Juventus comincia a farsi prendere da qualche nervosismo, ma dal punto di vista tattico e caratteriale nessun avvicendamento. Diversi falli da parte dei bianconeri e due gialli in 3 minuti che sarebbero potuti anche essere di un colore più scuro. Una sola squadra in campo fin qui. Leggeri cenni di ripresa della Vecchia Signora, ma ancora nessun vero pericolo per i padroni di casa che hanno abbassato anche un po’ il ritmo. Prima frazione che si chiude col doppio vantaggio bolognese e il nulla cosmico lato bianconero.

Secondo tempo

Juventus che inizia la seconda frazione sotto di due reti e costretta a inseguire il Bologna. Tuttavia, se la prestazione offerta è la stessa del primo tempo, sembra improbabile. In ogni caso, per evitare di concludere in 10 la gara, Montero decide di inserire Alcaraz e Weah al posto degli ammoniti Miretti e Cambiaso. Nonostante una ripresa più aggressiva, al 53′ altro pasticcio in costruzione dei bianconeri che regalano il 3-0 al Bologna e la doppietta a Calafiori che ‘scavetta’ Szczesny. 57′ altro cambio per la Juventus che si mette a trazione offensiva mettendo Yildiz al posto di Gatti. Cambi anche per Motta che al 63′ inserisce Saelemaekers al posto di Castro, seguito a ruota da Montero che toglie Vlahovic per Milik.

chiesa roma
Chiesa e Yildiz, Juventus

Partita completamente in controllo del Bologna, al netto di una Juventus che non sembra voler fare nessuno sforzo per quantomeno accorciare le distanze. Altre forze fresche per Motta che al 70′ dà spazio a Orsolini e Fabbian togliendo Odgaard e Urbanski. Torna in campo al posto di Rabiot anche Fagioli che, scontata la squalifica per scommesse, ha a disposizione 20 minuti per mostrare le sue qualità. Al 76′ rete di Chiesa che intercetta un pallone mal gestito e riesce a segnare la prima rete bianconera della serata. Sul tabellino dei marcatori all’82’ s’inserisce anche Milik; punizione battuta e deviata dalla barriera che termina in rete. Grande rete un minuto dopo di Yildiz che ruba palla agli avversari e dal limite calcia e realizza il gol del pareggio. Termina dunque 3-3 il match tra Bologna e Juventus.