Il Palermo si è aggiudicato la sfida valida per i quarti di finale dei Play-off di Serie B sconfiggendo la Sampdoria per 2-0 al Renzo Barbera. La vittoria dei rosanero porta la firma di Salim Diakitè, terzino francese classe 2000 che ha realizzato una clamorosa doppietta segnando un gol per tempo. Alla vigilia del match, nel corso della conferenza stampa, il tecnico Michele Mignani aveva annunciato che gli spareggi per la promozione sarebbero stati un campionato a parte. Il successo ottenuto ai danni dei blucerchiati da ragione all’ex allenatore del Bari, dal momento che la squadra di Andrea Pirlo aveva ottenuto due risultati utili (una vittoria e un pareggio) nel doppio confronto del campionato.

La vittoria ottenuta ai danni della Sampdoria consente alla compagine siciliana di approdare alla fase successiva del Play-off e di proseguire il sogno sogno promozione. Lunedì 20 maggio il Palermo torneranno in campo, ancora una volta tra le mura amiche dell’ex Favorita, per affrontare il Venezia nella gara di andata delle semifinali degli spareggi promozione. L’ironia della sorte ha messo di fronte a giocarsi un posto per la finale dei Play-off le due squadre appartenute al compianto presidente friulano Maurizio Zamparini.

Fonte foto account Twitter Palermo F.C.

Nel post partita di Palermo-Sampdoria Michele Mignani ha analizzato la vittoria della sua squadra nei quarti di finale dei Playoff di Serie B, come riportato da Mediagol.

“Vittoria meritata non solo per i due gol ma anche con altre occasioni. C’era voglia di dare un segnale e di passare il turno. I ragazzi sono stati bravi nell’interpretazione della partita. Chiunque avesse giocato stasera avrebbe dato il massimo, ne sono sicuro. La squadra rispetto alle ultime partite casalinghe ha avuto un atteggiamento diverso. Ha avuto supporto da parte di tutta questa gente ed un insieme di cose ci ha portato ad una vittoria meritata. Una gara diversa rispetto a quella con la Sampdoria che mi ha fatto esordire qui. Salim lo abbiamo alzato rispetto alle prime partite ma sono gol diversi rispetto a quello di Bolzano. Qui erano tutti su azione. Ivan è uno di quelli che ha giocato meno ma stasera ha dato esempio di grande attaccamento alla maglia. Gli faccio pubblicamente i complimenti. È un gruppo sano che ha fatto belle cose in questa stagione”.