La Juventus scende in campo ospitando la Salernitana in un match che potrebbe garantire ai bianconeri la matematica qualificazione in Champions League, contro una squadra alle sue ultime battute in Serie A. Durante i primi minuti però gli ospiti non sembrano essere intenzionati a concedere una semplice passerella agli avversari. Vicino alla rete Valhovic, ma la sua conclusione viene deviata sulla traversa. La gara si sta svolgendo sotto una fitta pioggia, condizione che non favorisce sicuramente la fluidità degli scambi palla a terra. Giunti al quarto d’ora di gioco, si percepisce un certo equilibrio tra le due formazioni, nonostante fosse ipotizzabile una netta superiorità dei padroni di casa, viste anche le motivazioni portate in campo dalle due formazioni.

Foto twitter account Salernitana

La Juventus ha iniziato una maggiore pressione offensiva, ma ancora poca efficace fin qui. Al 27′ la Salernitana passa in vantaggio su calcio d’angolo grazie alla rete di Pierozzi, con Szczesny che avrebbe sicuramente potuto fare meglio sulla conclusione. Al 32′ pericolosa punizione di Sambia con l’estremo bianconero che riesce però a neutralizzare la conclusione. Rischia la Juventus al 36′ con l’intervento del numero 1 ai danni di Ikwuemesi, ma l’uscita è pulita sul pallone. Timide proteste bianconere poco dopo per un contatto nell’area avversaria, ma non c’è nulla. Allo scadere del recupero Kostic tenta la conclusione da fuori, ma il pallone va largo. La prima frazione di gara si chiude con l’inatteso vantaggio della Salernitana che, per ora, rimanderebbe la qualificazione in Champions dei bianconeri.

Secondo Tempo

45 minuti a disposizione della Juventus per riscrivere la sua storia e arrivare alla finale di Coppa Italia a cuore più leggero, ma la Salernitana non vuole rendere le cose facili. Allegri prova la rimonta inserendo Chiesa, Iling jr e Miretti al posto di Kean, Kostic e McKennie. Conclusione dal limite per l’inglese appena entrato, ma troppo centrale. Ci prova anche Tchaouna da fuori, ma il tiro è ampiamente sbilenco. Controllo VAR al 52′ per un presunto fallo di mano in area di Rabiot, ma si conclude con il proseguimento regolare del gioco. Ancora vantaggio della Salernitana giunti all’ora di gioco e la sconfitta bianconera si fa sempre più tangibile. I bianconeri sembrano però accennare una timida reazione con la speranza di riuscire a ribaltare il risultato.

Occasionissima per Vlahovic al 60′ con Chiesa che si lancia in avanti, serve il serbo che a tu per tu col portiere lo supera con un rasoterra che però sfiora il lato esterno. Rischia l’autorete la Salernitana sulla conclusione di Chiesa, ma il pallone carambola fuori. Maggiore grinta dei bianconeri in questa ultima mezz’ora e diverse conclusioni; la volontà di vincere la gara sta finalmente emergendo, ma scarseggia la precisione. Secondo tempo a senso unico per possesso e occasioni, ma il tabellino recita ancora vantaggio Salernitana. All’ 80′ di testa Milik sfiora la rete ma il portiere bravissimo glielo impedisce. Ci prova anche Yildiz appena entrato come Milik, ma anche per lui esultanza bloccata in gola dall’estremo difensore. Traversa clamorosa di Miretti all’88’ di Miretti che tira da fuori ma manca l’appuntamento col gol. 91′ arriva finalmente la rete bianconera con Rabiot che aggancia un pallone vagante arrivato dopo il corner. Termina dunque 1-1 la gara con la Signora che non è ancora matematicamente in Champions.