ranieri cagliari attacco

Il Cagliari è uscito con le ossa rotte contro il Milan e la situazione adesso deve essere di attesa. Infatti il 5-1 subito questa sera è stato pesante sotto ogni punto di vista. I rossoneri nel secondo tempo sono stati troppo precisi sottoporta e i cambi realizzati da Pioli sono stati decisivi. L’entrata di Leao e di Theo Hernandez hanno cambiato la partita e le reti di Pulisic hanno poi reso la sfida complicata. Eppure Nandez ha cercato di riaprire il match e la traversa di Shomurodov non sono bastati a dare fiducia all’interno dei giocatori. Adesso bisognerà attendere la sfida di lunedì tra l’Udinese e il Lecce per capire quale sia la distanza precisa con la zona retrocessione. Prossimo turno sarà fondamentale vincere perché il Cagliari affronterà il Sassuolo in una sfida salvezza dal carico di tensione.

Foto twitter Lega Serie A

Claudio Ranieri a Sky Sport ha analizzato la pesante sconfitta del Cagliari contro il Milan: “5 gol sono troppi, ma sono bravi loro. Finché abbiamo contenuto siamo stati in partita e nel primo tempo potevamo essere più propositivi e fare gol. Nel secondo quando abbiamo subito il secondo e il terzo gol abbiamo cercato di riaprirla, ma il loro portiere è stato perfetto così come Leao e Theo Hernandez. Questa è stata una partita jolly e sapevamo che dovevamo fare una grande partita e non abbiamo avuto la spensieratezza ideale. Siamo stati timidi e poi con larghi spazi ci hanno tagliato come il burro. Non posso rimproverare nulla ai miei ragazzi. Punti salvezza? Non lo so, dipende da molte cose e adesso ci aspetta una grande partita da realizzare contro il Sassuolo e faremo del nostro meglio. Attaccanti? Un po’ tutti abbiamo diviso i gol, ma sono quelli incassati che sono troppi. Ma non possiamo adesso recriminare”: