de rossi roma juventus conferenza stampa

Nella semifinale di ritorno di Europa League la Roma ha sfiorato l’impresa di rimontare il doppio svantaggio dell’andata in casa del Bayer Leverkusen. Nel corso del match i giallorossi hanno pareggiato i conti grazie al centrocampista argentino Leandro Paredes che ha trasformato ben due rigori, uno per tempo. Tuttavia la squadra di Xabi Alonso è rientrata in partita per via dello sfortunato autogol di Mancini, arrivato sugli sviluppi di un corner. Nei minuti di recupero Stanisic ha realizzato la rete del 2-2.

Sfuma dunque il sogno della Roma di disputare la terza finale europea, dopo quella dello scorso anno a Budapest persa contro il Siviglia, e quella del 2022 a Tirana in Conference League vinta contro il Feyenoord. Il risultato definitivo del doppio confronto della semifinale della seconda competizione europea è dunque di 4-2 in favore “Aspirine” che accedono alla finale di Dublino del 22 maggio dove ad attenderli ci sarà l‘Atalanta, prossima avversaria dei capitolini in campionato.

Nel post partita il tecnico Daniele De Rossi ha commentato ai microfoni di Sky l’eliminazione della Roma dall’Europa League per mano del Bayer Leverkusen, come riportato da Sky Sport.

“I ragazzi hanno disputato una gara incredibile, il Bayer è più forte ma l’avevamo ripresa e uscire per un autogol sfortunato fa male. Loro sono forti e noi abbiamo giocato molto bene nella prima parte di partita. Forse abbiamo calciato poco, però in generale i ragazzi hanno disputato una partita incredibile, è stata una gara di sforzo fisico e mentale incredibile. Loro hanno giocato bene, hanno tirato tante volte in porta, ma quando la riprendi ed esci per un gol davvero sfortunato fa male. Si riparte da questo spirito. Io da ogni partita imparo qualcosa, un anno fa ero appena stato esonerato in Serie B. Devo ringraziare i ragazzi, ma il mio lavoro è analizzare perché non siamo arrivati in finale. Il Bayer è più forte di noi e bisogna stringergli la mano”.