Il mercato della Serie A potrebbe essere il fulcro della prossima sessione di calciomercato. Infatti, visti i diversi profili interessanti del nostro campionato molti top club si stanno affacciando alla finestra per cercare di strappare i campioni per portarli all’estero. Vediamo che potrebbe lasciare il nostro campionato, e chi invece, potrebbe semplicemente cambiare maglia, restando in Italia.

mercato juventus

Mancano poche partite alla fine della stagione e gli ultimi verdetti stanno per arrivate. Molti di questi segneranno la strada per le big italiane per la prossima stagione e da come si concluderà quella attuale si iniziare a pensare al mercato estivo. Tra chi dovrà solo acquistare qualche rinforzo per il prossimo anno, chi l’ha già fatto muovendosi in anticipo. Molte altre, invece, potrebbero essere il vero motore per il mercato della Serie A.

Mercato Serie A: Juventus col nodo Chiesa, Rabiot incerto, Bremer si potrebbe sacrificare?

Una delle big che più sentirà questa nuova aria di cambiamento e che sarà sicuramente al centro del mercato della Serie A, è la Juventus. I bianconeri saranno una delle squadra che avrà la rivoluzione più importante in Italia. Partendo dal cambio in panchina, passando dal possibile addio di diversi big, retenuti incedibili.

chiesa derby sostituzione

Federico Chiesa è uno di questi. Ormai è noto l’inasprimento nel rapporto tra l’esterno offensivo ed Allegri, proprio per questo che il rinnovo del contratto con il campione italiano fatica ad arrivare. Chiesa ha il contratto in scadenza nel 2025, e ci sono molte squadre interessate a lui. Prima fra tutte, proprio la Roma di Daniele De Rossi, che sembrerebbe aver fatto un passo avanti per strappare il fuoriclasse alla Juventus.

Altro giocatore in scadenza è Weston McKennie. L’americano, dopo una bella stagione, nella quale è stato l’uomo assist principale tra le fila dei bianconeri, si aspetta rinnovo e ritocco sull’ingaggio che scadrà nel 2025. Da parte della società ancora nessuna notizia, e lo statunitense inizia ad essere scontento. Potrebbe essere uno dei primi a dire addio a Torino.

mckennie juventus

Verso Torino aleggia l’ombra del Manchester United. Infatti i Red Evils sembrano interessati a ben 2 giocatori bianconeri. Il primo nome sulla lista degli inglesi sarebbe quello di Adrien Rabiot. Il francese andrà in scadenza quest’anno e sta rinviando il rinnovo, in quanto sta aspettando la scelta dell’allenatore e sicura qualificazione in Champions League. Lo United sarebbe disposto ad accontentare le sue richieste, che arrivano a 9 milioni a stagione.

L’altro nome è quello di Bremer. Il difensore brasiliano sta facendo la differenza nel mezzo della difesa della Juventus ed è considerato il punto cardine della retroguardia. Però, visto il momento, e la necessità di cedere e fare cassa per acquistare, potrebbe essere sacrificato per una cifra che si aggira intorno ai 70 milioni.

soulé

Poi ci sono i giovani che potrebbero rappresentare una parte importante del capitale della Juventus. Soulé ed Hujisen su tutti piacciono a diverse squadre, sia in Italia che in Europa e potrebbero rientrare tra i cedibili se dovessero arrivare offerte utili. Tutto per cercare di rinforzare la squadra e per la quale Giuntoli sta seguendo diversi nomi. Da Samardzic a Zirkzee, passando per Greenwood e Laurientié.

Inter: Zielinski e Taremi in arrivo, dubbi su Dumfries

L’inter campione d’Italia si prepara ad essere anche campione dei parametri zero nella prossima sessione di mercato. In Serie A, infatti, Marotta è sempre il primo a lavorare per portare a Milano giocatori in scadenza ed a parametro 0. Già chiusi i colpi Taremi dal Porto in attacco e Zielinski dal Napoli a centrocampo.

calciomercato

Ora i nerazzurri lavorano sui rinnovi dei contratti dei calciatori attuali. Priorità a Barella e Lautaro che hanno già la sicurezza di proseguire insieme, mentre trattativa più difficile quella per Dumfries. L’esterno è in scadenza nel 2025 e potrebbe essere uno dei primi partenti, al suo posto si segue Kayode, esterno 19enne della Fiorentina.

In attacco, invece, la situazione è diversa. L’arrivo di Taremi ha spalancato le porte per l’addio di Alexis Sanchez che probabilmente saluterà a fine stagione. Discorso simile per Arnautovic, che non avendo trovato molto spazio darà quasi sicuramente l’addio.

Milan: rinfozo in attacco cercasi, Maignan rinnova e Theo saluta?

Il casa Milan tira un’aria decisamente meno buona di quella dei cugini nerazzurri. Infatti, l’ormai certo addio di Stefano Pioli ha spalancato scenari interessanti per il prossimo nome sulla panchina rossonera. Ancora non si ha nessuna certezza, sicuramente alla fine della stagione verrà ufficializzato il nuovo allenatore.

zirkzee infortunio
Fonte foto acconut Twitter @AndrewMari1988

Questo avverrà in contemporanea alla scelta del prossimo attaccante. Infatti l’addio di Giroud, direzione MLS, ha fatto iniziare le voci sul toto-attaccante e tutti gli indizi sembrano portare a Zirkzee. Il numero 9 del Bologna è uno dei centravanti più ambiti nel mercato della Serie A e sembrebrebbe che il Milan sia in testa per strapparlo agli emiliani.

Il costo di Zirkzee non è abordabile a molti, per questo se dovesse partire Theo Hernandez direzione Monaco di Baviera l’affare potrebbe diventare realtà. I bavaresi devono sostituire Alphonso Davies approdato al Real Madrid ed hanno individuato nel francese l’erede ideale. Soprattutto perché Theo vorrebbe un aumento di ingaggio (da 7 a 9 milioni di euro) che il Bayern gli darebbe. Quindi con la cessione del francese per 80 milioni parte dei soldi andrebbero su Zirkzee.

theo hernandez cagliari milan
Fonte foto: Twitter

Bayern che segue attentamente anche Maignan, visto che Neur non giocherà ancora per molto i tedeschi potrebbe attaccare anche per l’estermo difensore transalpino. Infine, per il dopo Giroud, al Milan tengono in osservazione Benjamin Sesko dal Lispia. I tedeschi chiedono 50 milioni. Resta poi da capire chi sarà l’allenatore del club: al momento resta in pole Conceicao, ma lo scenario è sottoposto a diverse oscillazioni e può cambiare da un momento all’altro.

Napoli: Osimhen verso l’addio, Kvara pronto al rinnovo

In casa Napoli è ancora in bilico il discorso allenatore. Infatti, molto probabilmente Calzona saluterà a fine stagione e tornerà ad allenare la Slovacchia in vista degli Europei. Conte, Pioli, Gasperini e Italiano sono i nomi della short-list e salvo sorprese sarà uno di questi quattro tecnici ad aprire un nuovo ciclo.

Sicuramente chi siederà sulla panchina non avrà a disposizione Osimhen che saluterà la squadra direzione PSG o Chelsea, contendenti agguerrite per l’attaccante nigeriano. Con i soldi della cessione De Laurentiis è pronto a portare a Napoli Jonathan David, punta del Lille. Altra idea sarebbe quella di Lukaku che potrebbe sostituire Osimhen in uno scambio col Chelsea.

L’altra stella del club è vicino al rinnovo, con l’agente di Kvara che chiede l’aumento ed il presidente partenopeo che propone 4 milioni l’anno al georgiano, vedremo come procederà la trattativa.  Per quanto riguarda il mercato in entrata al momento il fronte più caldo è quello difensivo. Il Napoli si starebbe muovendo con insistenza per Buongiorno: nei giorni scorsi sarebbe stata presentata un’offerta da 35 milioni, respinta dal Torino.

Una nuova idea in difesa sarebbe quella di David Hancko, ex Fiorentina ed ora al Feyenoord che Calzona (suo allenatore con la Slovacchia) ha caldamente raccomandato. Un’idea che potrebbe fare innalzare l’entusiasmo dei tifosi è quella di Luis Alberto della Lazio, che è in rotta con Lotito, che potrebbe approdare a Napoli per sostituire Zielinski.

Roma: gli esterni chiesti da De Rossi e l’incognita Lukaku

A Roma è iniziata l’era De Rossi già da qualche settimana e l’ex centrocampista ha fatto vedere il suo gioco e la sua voglia di vincere. Proprio l’allenatore ha chiesto alla società degli innesti sulle fascia che si adattino al suo gioco, soprattutto dopo le ultime partite.

rick karsdorp roma

Primo obiettivo, come sembra da diverso tempo essere sottolineato, è quello di Federico Chiesa, che lo stesso De Rossi ha elogiato più volte e che si adatterebbe perfettamente al suo gioco. Angelino è ancora un’incognita visto che si dovrebbe rinnovare il prestito, mentre Karsdorp e Spinazzola non danno garanzie per il futuro. Molto dipenderà dal ds che arriverà prossimamente e che inizierà a muoversi sia in difesa, che in attacco. Con ogni probabilità Lukaku lascierà Roma e Abrahm non sembra essere ancora in piena forma.

Lazio: Immobile e Luis Alberto addii dolorosi? Kamada non si muove

Anche in casa Lazio il vento del cambiamento ha colpito la squadra di Tudor. I giocatori sono scontenti e come è stato ribadito più volte l’ambiente non è dei più tranquilli. Il croato ex Juventus, però, ripartirà sicuramente da Kamada, giapponese diventato perno inamovibile del centrocampo biancoceleste.

Centrocampo che potrebbe perdere anche Luis Alberto dopo l’addio di Felipe Anderson. Lo spagnolo, ormai è risaputo, non sta più bene alla Lazio e sembra intenzionato a lasciare Roma per andare a vestire la maglia del Napoli, ma Lotito non sembra accontantare il suo giocatore e non lo lascierà partire tanto facilmente.

Foto Twitter ufficiale Pedro

Infine, uno dei capitoli più tristi in casa Lazio, riguarda Ciro Immobile. Capitano e bomber biancoceleste per tanti anni, sembra ora in fase discendente e potrebbe lasciare durante questa sessione di mercato. L’attaccante, per ora, non sembra avere voglia di lasciare Roma, ma il futuro è nebuloso e ci sono troppe domande all’orizzonte.