La regular season del campionato cadetto è ormai agli sgoccioli e il Parma è lanciatissimo verso il ritorno in massima serie. La squadra emiliana occupa con grande merito la prima posizione in classifica con 70 punti e, in queste ultime giornate, proverà a raggiungere la certezza matematica per la promozione. I ducali a partire da domani, sabato 27 aprile, saranno impegnati in quattro “finali”. La prima di queste è quella del Tardini, dove gli uomini di Pecchia affronteranno il Lecco, fanalino di coda del campionato di Serie B.

A differenza di quanto dice la classifica, quella di domani è una partita da non prendere sotto gamba. Dal momento che nella gara di andata, disputatasi lo scorso 12 novembre in occasione della tredicesima giornata, i manzoniani si sono imposti allo stadio Rigamonti-Ceppi per 3-2. Nella gara di domani il Parma cercherà di sfruttare al meglio il fattore casalingo per portare a casa la vittoria che gli consentirebbe di consolidare il comando della classifica e di vendicarsi della sconfitta dell’andata. Dall’altra parte gli uomini di Malgrati, nonostante sia vicina la retrocessione matematica, proveranno a onorare il campionato fino alla fine e cercheranno di ripetere il successo dell’andata uscendo dal Tardini con un risultato positivo.

Foto Twitter account Parma

Fabio Pecchia, allenatore del Parma, ha presentato la sfida “testacoda” contro al Lecco valida per trentacinquesima giornata del campionato di Serie B, come riportato da Parmalive.

“Siamo alla fine del campionato, i margini sono ridotti. Ma le partite sono fatte delle stesse cose, da uno che ciò vuole fare e trasmettere e dall’atteggiamento tecnico-tattico. Dobbiamo essere concentrati solo su ciò che dobbiamo fare sul campo. Ho tutto il gruppo a disposizione, di questo sono contento. E’ la dimostrazione del lavoro fatto dai ragazzi, anche chi è fuori. Questo mi permette di affrontare questo rush finale, con tante partite ravvicinate, comunque con tanti giocatori in buone condizioni. Posso quindi scegliere da una rosa ampia. Nelle ultime gare, senza farsi prendere dalla classifica, il Lecco ha avuto modo di giocare, con un allenatore che è tornato dopo i tanti cambi.

La squadra vuole giocare, vuole proporre con continue rotazioni. Vuole dimostrare di essere ancora nel campionato, poi hanno un riferimento di grande struttura come Novakovich che permette di alzare la palla nelle situazioni di difficoltà. A me non interessa quello che dicono. Non mi faccio condizionare dai numeri o dai risultati. Vedo ogni giorno i miei ragazzi. Siamo in salute, veniamo da prestazioni solide, da squadra compatta. Abbiamo segnato poco ma abbiamo avuto tante occasioni, dobbiamo continuare su questa strada”.