blazquez gudmunsson genoa

Uno dei gioielli del Genoa, Gudmundsson, sarà al centro del prossimo calciomercato estivo. Su di lui ci sono soprattutto due big italiane, Juventus ed Inter, ma ci sono anche diversi club di Premier League che seguono il calciatore.

La stagione dell’islandese con la maglia del Genoa è ormai sotto i riflettori da diverso tempo. Soprattutto grazie i numeri e le prestazioni del classe ’97 che proprio nella prossima estate è destinato a diventare uno dei sogni proibiti di diversi club, canalizzando su di sé l’attenzione sul mercato europeo.

Genoa Gudmundsson
GENOA, ITALY – MARCH 30: Albert Gudmundsson of Genoa (left) celebrates after scoring a goal on a penalty kick during the Serie A TIM match between Genoa CFC and Frosinone Calcio at Stadio Luigi Ferraris on March 30, 2024 in Genoa, Italy. (Photo by Simone Arveda/Getty Images)

Durante un’intervista al Telegraph, il calciatore del Genoa, Gudmundsson, ha le idee chiare sul suo futuro, sottolineando di volersi mettere alla prova, soprattutto in Premier League:

“Voglio davvero mettermi alla prova al più alto livello possibile. Fin da bambino ho sempre sognato di giocare in Premier League, è un qualcosa che voglio provare. Vediamo cosa succede a fine stagione. Al momento ho un contratto con il Genoa (fino al 2027) e sto bene. Sono molto contento di questa mia stagione con i rossoblù in Serie A: ho delle discrete qualità come una buona finalizzazione, un buon passaggio, buoni calci piazzati”.

Il calciatore del Genoa, ha sottolineato come la sua ispirazione viene dirattamente dalla sua famiglia, o per meglio dire suo nonno Albert. Negli anni ’40 giocò col Milan e poi con l’Arsenal:

“Mio nonno fu il secondo straniero della storia dei Gunners, ha raggiunto livelli eccezionali che sogno di toccare anche io”.

Il fuori classe del Genoa, Gudmundsson, ha poi regalato una curiosità che riguarda l’inizio della sua avventura con i genoani:

“Non conoscevo lo staff tecnico e il club, ma dopo una veloce ricerca su Google mi sono convinto in pochi minuti a salire sull’aereo e iniziare la mia avventura in rossoblù”.