di francesco frosinone

Nell’anticipo della trentaquattresima giornata del campionato di Serie A il Frosinone ha sconfitto allo Stirpe la Salernitana per 3-0, aggiudicandosi lo scontro salvezza. Dopo quattro pareggi consecutivi la squadra di Di Francesco è tornata alla vittoria che mancava dalla ventunesima giornata. La vittoria odierna, che porta le firme di Soulè, Brescianini e Zortea, rappresenta una vera e propria iniezione di fiducia ai giallazzurri in vista delle ultime partite di campionato. La prossima settimana i ciociari saranno impegnati nello scontro diretto con l’Empoli. Intanto, con questa vittoria, il Frosinone sale a quota 31 punti e scavalca l’Udinese in classifica, che in questo turno di campionato sarà impegnata in casa del Bologna.

Eusebio Di Francesco, nel post partita di Frosinone-Salernitana, ha commentato ai microfoni di Sky Sport la vittoria della sua squadra.

“Vittoria dal mio punto di vista meritata, non tanto per la partita in se stesso ma per il percorso e le prestazioni che stiamo facendo ultimamente anche quando non abbiamo portato a casa nulla. Questa squadra sta lavorando con grande applicazione e attenzione. Poi mi arrabbio un po’ perché paradossalmente sul 2-0, quando dovevamo potevamo gestire meglio certe situazioni, ci siamo messi in difficoltà. Questo però nasce dalla crescita, dalla maturità, dall’abitudine che avevamo ultimamente di non vincere le partite e quel timore che si ha a volte di non portare la partita a casa. Sembrava una gara scontata ma vi assicuro che non lo era, lo dimostra il secondo tempo disputato dalla Salernitana.

E’ la prima volta che schiero per la terza partita consecutiva la stessa formazione. Credo che per noi sia un grande vantaggio dare continuità a certi giocatori e a una squadra che sta trovando un equilibrio generale, con un sistema di gioco differente ma con gli stessi principi di sempre. Quello che secondo me dobbiamo sempre continuare ad avere sono l’identità e la voglia di fare la partita, come abbiamo fatto sta sera a tratti. Molto bene all’inizio, dove abbiamo gestito certe situazioni, e siamo più cattivi e più attenti nella fase difensiva. Stiamo lavorando un po’ più di squadra, questa solidità difensiva c’era mancata nelle belle prestazioni che avevamo fatto ed è fondamentale portarla avanti fino alla fine del campionato.

Noi abbiamo costruito una squadra con delle qualità e dal talento da esprimere. Abbiamo dei giocatori interessanti e altri che devono maturare, però vedo della crescita. Brescianini è un calciatore in grande crescita capace di fare sia l’attaccante che il centrocampista. Finora ha giocato solo in campionati inferiori però a me piacciono quando questi ragazzi si applicano e cercano sempre di apprendere. Però in tutto ciò dobbiamo raggiungere gli obiettivi prefissati”.