Domani, sabato 27 aprile, alle ore 16:15 allo stadio San Vito-Marulla andrà in scena lo scontro diretto tra Cosenza e Bari. Le due squadre, impegnate nella lotta salvezza, cercheranno di portare a casa il massimo risultato per poter continuare a sperare nella salvezza senza dover passare per la lotteria dei Play-out. Nel corso della stagione entrambe le compagini hanno riscontrato non pochi problemi. I Galletti, che ai nastri di partenza del campionato cadetto avevano ben altre ambizioni, hanno sostituito ben tre allenatori non riuscendo tuttavia a trovare la quadra. Mentre la proprietà del club silano ha deciso di esonerare il tecnico Fabio Caserta e di richiamare alla guida della squadra l’artefice della salvezza nella passata stagione William Vili.

La gara di andata, disputatasi allo stadio San Nicola di Bari lo scorso 23 dicembre in occasione della diciottesima giornata, è terminato in parità col risultato di 0-0. Il Cosenza è reduce dalla vittoria pirotecnica del Mapei Stadium contro la Reggiana, sconfitta per 0-4, e nella gara di domani proverà a ripetersi davanti al pubblico di casa in modo da portare a casa tre punti preziosi per l’obiettivo salvezza. Mentre i biancorossi, guidati dal nuovo tecnico Federico Giampaolo, cercheranno di dare seguito al pareggio casalingo della scorsa settimana contro al Pisa per cercare di tirarsi fuori dalla zona Play-out.

In conferenza stampa William Viali, tecnico del Cosenza, ha presentato la sfida salvezza contro al Bari valida per la trentacinquesima giornata di Serie B, come riportato da Cosenza Channel.

Sia noi che il Bari ci giochiamo tutto. Le statistiche o ciò che poteva essere, non mi interessano più. Vi avevo detto eravamo pronti a vincere, le qualità ci sono sempre state. Ma per esaltare c’è voluta una dose di convinzione ed atteggiamento importante. Si deve ripartire da lì. Le sensazioni sono positive anche per domani. Abbiamo martellato l’aspetto mentale per evitare che la squadra si possa cullare sulla prestazione di Reggio Emilia. Il Bari ha qualità, al di là di quello che dice la classifica, ed è reduce da una buona prestazione contro il Pisa, esclusa la prima mezz’ora. Hanno disputato un ottimo secondo tempo e sanno cosa devono fare. Hanno cambiato il loro assetto ma possono contare su diverse situazioni tattiche all’interno della partita. Siamo consapevoli della loro determinazione ma noi dobbiamo averne altrettanta. 

Siamo una squadra che non è in grado di fare calcoli. Dobbiamo spingere per 90 minuti, partendo forte, per trovare un risultato importante. Ci giochiamo la stagione nei prossimi 7 giorni. Restiamo focalizzati a ciò che ci ha permesso di fare la partita di Reggio Emilia e dimostriamo con i fatti che siamo cambiati. Avere calciatori così permette di costruire un gruppo forteL’idea (di Antonucci mezzala ndr) è nata quando abbiamo deciso di cambiare l’aspetto tattico. Ho trovato grande convinzione da parte del ragazzo e lo abbiamo allenato nella settimana. E la cosa è venuta bene. Lui ha anche segnato venerdì scorso e si è fatto trovare pronto. Averlo con noi è importante anche quando non gioca perché dà sempre qualcosa in più al di là delle prestazioni in campo. Nasti è un giocatore al quale sono affezionato ed un ragazzo al quale voglio bene. Per due ore sarà un avversario “odiato” dal mio punto di vista“.