Con la vittoria sul Milan, l’Inter si è laureata campione d’Italia e alla Juventus ora non resta che tentare la vittoria in Coppa Italia e qualificarsi al più presto alla prossima Champions League. A proposito di questi obiettivi dei bianconeri, ai taccuini de L’Equipe, è intervenuto l’attaccante Dusan Vlahovic: “Sarebbe bello riuscire a raggiungere entrambi, ma non potremmo mai essere pienamente soddisfatti. Questa è la mentalità di questo club e l’esigenza della sua storia. Avevamo anche la possibilità di lottare per il titolo, a un certo punto eravamo vicini. Ma essere in lotta a febbraio non significa niente, non conta. I rimpianti sono inevitabili, ma c’è ancora tanto da giocare”.

Vlahovic prosegue parlando più di sè: “Miglior stagione personale qui? La scorsa non mi sentivo bene fisicamente. Ho davvero sofferto. Quest’anno invece mi sento bene. Per il resto faccio tutto uguale: lavoro duro e mi concentro sul recupero. Ho fatto16 gol ma potevo fare molto di più. Voglio diventare un giocatore che la gente ricorderà. Giocare per fare una carriera mediocre pur guadagnando soldi non mi interessa. Vincere il Pallone d’Oro? Lo sogno, ma tante cose si devono allineare. Fa parte dei miei obiettivi, a calcio si gioca per gloria e trofei”.

Foto ufficiale dal profilo twitter della Juventus

Vlahovic: “Allegri tra i migliori degli ultimi 20 anni. Futuro alla Juve? ne parleremo più avanti”

Il serbo continua parlando della sua formazione e dei suoi idoli: “In Italia c’è una cultura molto tattica. Allegri è uno degli allenatori più forti degli ultimi 20 anni e che sa parlare ai giocatori. Mi aiuta molto. Lavoro sia sui punti forti che sui punti deboli. Per me la tecnica di base è la cosa più importante. Oggi vedo troppe scuole calcio che pensano solo al risultato e non è la direzione giusta. Idolo da bambino? Cristiano Ronaldo ovviamente, lo seguivo allo United quando giocava ala sinistra. Amavo i suoi movimenti, il suo istinto killer, per me uno dei migliori della storia. In questo momento Mbappe è il migliore al mondo.”

Vlahovic chiude parlando di voci passate che lo vedevano lontano dalla Juventus: “Contatti con Chelsea e PSG? Ho letto i giornali, ma non sapevo niente e non mi interessava comunque. Pensavo soprattutto a prepararmi bene per fare una grande stagione. Con la Juve ho ancora due anni di contratto e sono molto felice qui. Questa è la risposta, voglio vincere qualcosa di importante con la Juventus. Poi vedremo, nel parleremo più avanti”.