lazio luis alberto genoa

Nel primo anticipo della trentatreesima giornata del campionato di Serie A la Lazio ha espugnato lo stadio Luigi Ferraris di Genova sconfiggendo per 0-1 la squadra di Alberto Gilardino. Protagonista della vittoria della compagine capitolina in quel di Marassi è stato il fantasista spagnolo Luis Alberto, il quale è riuscito a trafiggere Martinez nel secondo tempo. Grazie a questa vittoria si sono riaccese la possibilità di entrare alla prossima Champions League per i biancocelesti.

La cronaca della partita

Prima dell’inizio del match le due squadre hanno osservato un minuto di silenzio in memoria di Mattia Giani, il calciatore del Castelfiorentino scomparso prematuramente la settimana scorsa a causa di un infarto. Primo tempo noioso, molto tattico e con poche occasioni da gol. il Genoa ha provato a rendersi pericoloso sin dalle prime battute, ma ha dovuto fare i conti con l’alta pressione della Lazio. Al 3′ Castellanos ha approfittato di una disattenzione di De Winter e si è involato verso la porta difesa da Martinez ma Frendrup, con un intervento provvidenziale, ha sventato il pericolo. La reazione dei padroni di casa è arrivata dopo due minuti, quando Vogliacco ha innescato Ekuban, il quale si è liberato agevolmente di Gila, è andato alla conclusione ma il pallone si è infranto sull’esterno della rete. Il numero 18 rossoblù in questa occasione ha peccato di egoismo in quanto Retegui era meglio posizionato a pochi metri.

Foto Twitter account SS Lazio

La partita prosegue con le due squadre in cerca del varco giusto. Il primo a trovarlo è il Genoa che al 13′ sfiora il gol con una bella combinazione della coppia GudmundssonRetegui: il fantasista filandese col tacco innesca l’oriundo che ha provato la conclusione al volo, ma il pallone è terminato alto sopra la traversa. Verso il ventesimo minuto i tifosi della Lazio, presenti nel settore ospite del Luigi Ferraris, hanno lanciato cori di protesta contro il presidente Claudio Lotito. Non si placano le proteste del popolo biancoceleste che già la scorsa settimana all’Olimpico ha fischiato pesantemente la squadra nonostante il sonoro 4-1 rifilato alla malcapitata Salernitana.

Foto Twitter account SS Lazio

Nei minuti successivi i ritmi si sono abbassati in quel di Marassi con le due squadre che hanno faticato nel trovare spazi concreti. A provare a riaccendere la partita ci ha pensato Felipe Anderson con una conclusione dalla lunga distanza, ma ancora una volta l’esterno brasiliano non ha trovato lo specchio della porta. Al 35′ il tecnico della Lazio Igor Tudor è stato costretto al cambio, per via dell’infortunio di Lazzari. Al posto del numero 29 biancoceleste è entrato Hysaj. Finale di primo tempo incandescente con la squadra di Gilardino più pimpante rispetto agli avversari. Nei minuti di recupero Retegui si è divorato una ghiotta occasione chiudendo troppo stretto il suo diagonale. Le due squadre sono andate a riposo sul risultato di 0-0.

Secondo tempo

La ripresa del match si è aperta con Casale out e dentro Romagnoli. Questo è stato il secondo cambio le tra le fila della Lazio. Al 51′ Mandas ha sbagliato il rinvio e Frendrup ha subito servito l’ottimo Ekuban, ma il tiro non è stato preciso. E’ un Genoa che ha maggiore precisione nella costruzione delle azioni, mentre la Lazio non ha fin qui travato la chiave di volta del match. All’ora di gioco ghiotta occasione della squadra ospite: Luis Alberto ha servito Felipe Anderson, ma il brasiliano non ha trovato il perfetto equilibrio tra tiro e direzione. Ma i biancocelesti sono padroni del campo: infatti rispetto al primo tempo i ragazzi allenati da Tudor hanno preso maggiore vigore e finalmente al 67′ sono riusciti ad andare in rete. Felipe Anderson-Kamada-Luis Alberto, il trittico che doveva dare maggiore vigore, sono riusciti a far esultare i popolo biancoceleste: in rete è andato lo spagnolo grazie anche al velo di Vecino.

Fonte foto account Twitter Serie A

Cambi per la Lazio: fuori Felipe Anderson per Cataldi e Castellanos per Pedro. Gilardino ha risposto inserendo: Badelj al posto di Strootman e  Ankeye per Ekuban. Dopo minuti di impacciamento il Genoa riesce a reagire al 76′ con Retegui che va alla conclusione dal limite dell’area che però termina fuori. Al’80′ altra sostituzione per il Grifone: dentro Sabelli al posto di Vogliacco. Grazie a questa mossa Alberto Gilardino ha provato a cambiare il modulo rendendo la sua formazione ancora più offensiva. A quattro minuti dal 90′ Igor Tudor ha tolto l’autore del gol, Luis Alberto, per Rovella. Mentre la risposta dei padroni di casa è stata Thorsby al posto di Frendrup. Nulla da segnalare nei minuti finali.