Gianluigi Donnarumma è finito ancora una volta nell’occhio del ciclone. Brutta gara quella contro il Barcellona negli ottavi di finale di Champions League. L’estremo difensore ex Milan ha palesato incertezze in diverse occasioni.

Sulle azioni dei gol non possiamo non ravvisare una certa dose di colpevolezza. Palle smanacciate alla carlona, respinte tutt’altro che impeccabili, insicurezza nel gioco con i piedi e nelle uscite sono alcuni dei problemi. Sulle parate c’è poco da imputare ma Donnarumma non garantisce sicurezza nel resto delle skill.

L’estremo difensore italiano è stato demolito dai giornali francesi. “Catastrofico” e “una calamità” sono alcuni dei commenti riportati sui quotidiani d’Oltralpe. Questi ultimi ci sono andati pesanti anche nei voti: 3 dall’Equipe (che titola “L’incorreggibile Donnarumma”), 3,5 da Le Parisien. C’è da dire che i francesi sono molto più severi rispetto ai pagellisti italiani. Da noi le pagelle di Donnarumma vanno dal 4,5 al 5,5.

La definizione de L’Equipe fa riflettere: Donnarumma è effettivamente “incorreggibile” proprio perché non ha limato certi difetti. Nonostante la giovane età, il portiere nativo di Castellammare è già alla nona stagione da titolare. Percorso opposto quello di Guglielmo Vicario. Il portiere friulano ha giocato nelle piccole fino ai 27 anni e fino ai 24 militava in Serie B.

L’estremo difensore del Tottenham è tra i migliori estremi difensori della Premier League di questa stagione. I commentatori lo ritengono all’unisono nella top 3 del miglior campionato al mondo. Perché non è titolare in Nazionale? Purtroppo vigono le famose gerarchie. Nelle gare decisive per la qualificazione agli Europei, Spalletti ha puntato su Donnarumma nonostante le incertezze palesate da quest’ultimo.

Siamo a due mesi dalla rassegna continentale. Il tecnico di Certaldo si ritrova di fronte a una scelta. Per Vicario lo spiraglio è rappresentato dal fatto che Spalletti lo abbia provato nella gara vinta contro l’Ecuador (clean sheet). Se dovessimo guardare alla meritocrazia, i guanti della Nazionale dovrebbero essere affidati senza dubbio a Guglielmo Vicario. E Spalletti è persona intelligente e dotata di buon senso…