Nel Saturday night match della ventinovesima giornata del campionato di Serie A andrà in scena il Derby tra Frosinone e Lazio.
All’Olimpico, nel precedente dell’andata andato in scena lo scorso 29 dicembre in occasione della diciottesima giornata, i biancocelesti si sono imposti per 3-1 rimontando al gol di Soulè grazie ai gol di Castellanos, Isaksen e Patric.
La sfida del Benito Stirpe mette di fronte due squadre in evidente difficoltà che cercheranno di invertire la rotta e rimettersi in careggiata per raggiungere i rispettivi obiettivi stagionali.
I ciociari sono a secco di vittorie dal 21 gennaio, quando hanno battuto in casa il Cagliari per 3-1, collezionando nelle successive sette giornate di campionato solo due punti, frutto dei pareggi ottenuti contro Hellas Verona e Lecce.
Dopo la sconfitta nello scontro diretto contro al Sassuolo della scorsa giornata la squadra di Di Francesco è entrata per la prima volta in stagione nella zona rossa della classifica.
Domani, sabato 16 marzo, il Frosinone cercherà di sfruttare al meglio il fattore casalingo per portare a casa tre punti d’oro in ottica salvezza.
La Lazio invece è reduce della sconfitta interna contro l’Udinese, terminata col risultato di 1-2, e in settimana il tecnico toscano Maurizio Sarri ha rassegnato le dimissioni.
Quindi allo Stirpe siederà in panchina il suo vice Giovanni Martusciello che proverà a rialzare il morale della squadra portando tre punti preziosi per la corsa all’Europa.

In conferenza stampa l’allenatore del Frosinone Eusebio Di Francesco ha presentato il derby con la Lazio valido per la ventinovesima giornata del campionato di Serie A, come riportato dal sito Tuttofrosinone.com.

“Scelta già fatta su chi giocherà, si sono allenati tutti bene. Abbiamo i terzini a disposizione, oggi si è allenato anche Valeri. Si può cambiare qualcosa nelle uscite ma cambieremo il meno possibile.
Credo che la pressione ci sia da entrambe le parti per situazioni differenti. Le gare sono sempre meno e quindi anche i punti da raccogliere sono sempre più importanti. Abbiamo una classifica sorprendente in negativo in quello che è stato il percorso. Dire che manca solo la parte agonistica e non quella mentale sarebbe sbagliato. L’approccio alla gara sarà fondamentale.
Devo dire che non è la prima gara che ci capita in questa direzione con un avversario che dopo aver sbagliato ci affrontano con voglia di rivalsa. Ritrovano dei calciatori squalificati, squadra da prendere con le molle perché hanno giocatori che possono decidere la gara in ogni momento. Non credo che cambieranno molto rispetto a prima, davanti troveranno una squadra determinata a fare risultato.
Credo che la partita più importante sia questa e basta poi ci sarà la sosta. Stiamo pensando tante cose, anche di andare un po’ fuori per ricompattare e ritrovare l’armonia che quando manca il risultato si pensa che manchi.

Sono dieci partite importanti, inutile guardare indietro. Questa squadra ha bisogno di fiducia, manca a noi guadagnarcela. Siamo padroni del nostro destino, solo noi possiamo decidere . Oggi sono venuti i ragazzi della curva a fare una chiacchierata positiva e costruttiva lanciando un messaggio positivo.
Non voglio salvarmi attraverso il gioco, voglio salvarmi e basta. Ognuno ha una sua identità e un suo pensiero. Io mi metto da parte totalmente per l’obiettivo perchè l’importante è il noi. Siamo stati apprezzati da tutti per il gioco, ora dobbiamo mostrare qualcosa di diverso perchè importante portare a casa i risultati. Dobbiamo gestire meno palla? Lo faremo, a me interessa essere incisivi. Dobbiamo andare un po’ oltre nelle visioni.

Io sono qua per il Frosinone e non per discorso personale, se pensassi a me stesso non sarei qui a fare l’allenatore in generale. Non mi interessa la pressione della piazza, io c’è l’ho già la pressione da quando sono arrivato. Non ho le orecchie tappate ma non leggo e non ho social. Io da quando sono arrivato ho la pressione addosso perché vivo di questo, è questione di rispetto per me”.