Una sfida veramente intensa: i Colchoneros partono fortissimo, scevri di ogni dogma del Cholismo e vogliosi di ribaltare l’1-0 dell’andata. L’Inter però è molto ordinata e, dopo aver sofferto l’Atletico nella prima metà del tempo di gioco, riesce a passare in vantaggio alla mezz’ora grazie a Dimarco. Ma i padroni di casa non si perdono d’animo e trovano il pareggio ben due minuti dopo con una rete di Griezmann. Il tentativo forsennato di difendere il vantaggio dell’Inter però viene ribaltato dai gol di Griezmann e Depay ma il risultato del 2-1 non basta agli spagnoli per passare il turno. Inter caduta nella trappola mentale dell’Atletico Madrid che subisce la rimonta della squadra di Diego Simeone.

Atletico Madrid e Inter si giocano il tutto e per tutto ai tempi supplementari: 30 minuti in cui le due squadre cercano di strappare il risultato e passare ai quarti di finale. La squadra di Inzaghi alterna momenti di forza verso la porta di Oblac a pressioni da parte dei madrileni. Nessun gol e quindi si vola ai calci di rigore. E dal dischetto si è deciso il destino: dopo diversi tiri parati, l’Inter sbaglia troppo e il tiro alle stelle di Lautaro Martinez regala la qualificazione all’Atletico Madrid. L’ultima squadra italiana esce dalla Champions League: nessuna fra Lazio, Napoli e Inter è passata ai quarti di finale. Delusione sul volto di Simone Inzaghi e tutti i giocatori nerazzurri.