Dopo il pareggio casalingo contro l’Atalanta, la Juventus di Allegri inizia a fare due conti per quanto riguarda la qualificazione in Champions League. I bianconeri sono scesi al terzo posto, superati anche dal Milan, ora si guarda alle spalla dove il Bologna potrebbe essere pericolo a 6 punti di distanza.

Juventus-Atalanta
Foto ufficiale dal profilo X dell’Atalanta

Ora per Massimiliano Allegri dovrà iniziare pensare alle prossime gare, avendo conquistato solo 6 punti nelle ultime 7 gare. Ora si pensa al prossimo incontro, che coincidierà con il ritorno di Vlahovic che potrebbe portare qualche gol in più. Da analizzare i troppi gol presi in questo momento, che coicidono con il momento no della squadra.

Ecco le parole dell’allenatore della Juventus, Allegri, ai microfoni di DAZN che parla della cattivca gestione del vantaggio:

“Potevamo fare meglio sia nella punizione, che soprattutto nel secondo gol. Il secondo tempo abbiamo fatto bene, siamo scesi in campo con rabbia e voglia di recuperare. Bisogna sicuramente sistemare la fase difensiva e gestire meglio il vantaggio, è accaduto troppo spesso nelle ultime partite, ma prendiamo gol troppo facilmente. Per ritrovare la solidità bisogna rimaere sereni e bisogna stare più attenti. I ragazzi hanno avuto una bella reazione, ma dobbiamo fare meglio!”

Juventus-Atalanta

Poi l’allenatore della Juventus, Allegri, analizza il momento della squadra e dei 6 punti conquistati nelle 7 partite precedenti:

“I numeri non mi preoccupano, abbiamo 58 punti. Questi momenti servono per far crescere la squadra e non bisogna ricordare che il nostro obiettivo è la qualificazione in Champions League il prossimo anno. Oggi potevamo sfruttare meglio alcune situzioni, ma abbiamo costruito tanto, sono stati molto importanti gli inserimenti da dietro. Questo risultato vale molto!”

Allegri analizza i troppi gol presi in questo momento della stagione, a differenza dell’inizio quando era difficile segnare alla Juventus:

“Eravamo troppo larghi a campo aperto, dobbiamo assolutamente migliorare. Siamo stati polli sulla punizione e disattenti sul 2-2. Certamente dobbiamo migliorare. Ora abbiamo tutti un obiettivo da raggiungere, sia noi che i tifosi, ovvero quello di raggiungere la Champions League, perché anche i tifosi verranno allo stadio a vedere le belle partite che verranno da questa competizione!”