lotito tudor

La Lazio ha un problema: il gol. La squadra di Maurizio Sarri ha segnato appena 24 gol in campionato, uno in più dell’Udinese diciassettesima, giusto per intenderci. I problemi fisici di Immobile, a cui si aggiungono quelli di Zaccagni, la metamorfosi di Felipe Anderson, un Castellanos ancora in naftalina e Isaksen non proprio uno stoccatore, i biancocelesti hanno bisogno di ritrovare la vena realizzativa. Questo nonostante un gioco sempre volto all’attacco, con difesa alta e palleggio. Anche i centrocampisti, Kamada e Guendouzi, non stanno fornendo la giusta dose realizzativa.

Per questo motivo Lotito guarda in Inghilterra. Piace il classe 2003 Jonathan Rowe e il 23enne del Sunderland Jack Clarke. Piacciono anche il 22enne Bryan Gil (Tottenham), il classe 2001 Morgan Whittaker (del Plymouth) e Laurienté (classe 1998) del Sassuolo. Per Clarke la Lazio ha messo sul piatto 16 milioni di euro, ma il Sunderland ne chiede 20. Somma a cui Lotito non può arrivare. La pista italiana porta a Cambiaghi, in prestito all’Empoli dall’Atalanta, anche se il nome non scalda troppo Maurizio Sarri. Sta di fatto che davanti qualcosa la Lazio deve fare per ritornare ad essere pericolosa.