I tifosi avevano chiesto espressamente di non voler traslocare. Alla fine, complici divergenze con il Comune, la Fiorentina rimarrà a giocare nel suo stadio anche nella prossima stagione, 2024/25. Partiranno a breve i nuovi lavori di ristrutturazione, che riguarderanno sia un ammodernamento dell’impianto, sia un’espansione di posti. “Siamo felici di annunciare questa buona notizia che è stata resa possibile grazie ai progettisti e alle ditte che hanno riprogrammato il piano dei lavori, rispettando comunque la data finale del 31 dicembre 2026 senza costi aggiuntivi. Abbiamo a disposizione per adesso i 150 milioni già stanziati. In più possiamo garantire, durante i lavori, una capienza di 22mila posti e abbasseremo ulteriormente pure il canone di spese a carico della Fiorentina che sarà di circa 600mila euro per il 2024/2025, rispetto ai 750 attuali”

Così ha parlato Dario Nardella, sindaco di Firenze. Un progetto sostenibile e importante, che dà continuità dopo la fondazione del Viola Park, la nuova casa Viola. Nardella ha parlato con Barone e Casini per le tempistiche. “La prossima settimana inizieremo con i lavori propedeutici con la demolizione del maxi schermo in Ferrovia e da fine febbraio-inizio marzo inizieranno i lavori di restauro per poi intensificare le operazioni”, ha concluso.