Dopo aver stravinto il girone C di terza serie con 96 punti nella passata stagione alla guida del Catanzaro, Vincenzo Vivarini è stato premiato stamane a Coverciano con la Panchina d’oro di Serie C.
Il tecnico delle aquile ha ottenuto 35 voti su 87 votanti, battendo la concorrenza di Luciano Foschi (8 voti) Aimo Diana (5 voti), vincitori rispettivamente dei gironi A e B con Lecco e Reggiana.
Approdato sulla panchina dei giallorossi nel dicembre 2021, al posto dell’esonerato Antonio Calabro, Vivarini dopo un girone di assestamento ha riportato il Catanzaro in Serie B dopo quasi vent’anni di assenza nella stagione successiva facendo esprimere alla squadra un gioco spettacolare, trascinata dai 28 gol del bomber Pietro Iemmello e dalla fantasia del belga Jari Vandeputte e dal calore dei tifosi calabresi.
Dopo aver vinto anche la Supercoppa di Serie C il tecnico abruzzese sta stupendo anche nel campionato cadetto, dal momento che la matricola Catanzaro occupa con grande merito il settimo posto in classifica.

Nel suo discorso sul palco della premiazione il tecnico dei giallorossi Vincenzo Vivarini ha ringraziato i colleghi per il riconoscimento, la società e l’intera città di Catanzaro, come riportato da TMW.

“E’ una grossa soddisfazione e c’è solo da ringraziare, innanzitutto i miei colleghi. Lo scorso anno c’è stato un campionato di livello davvero alto e noi ci siamo comportati nel modo giusto. Grazie della fiducia che mi avete riposto: un ringraziamento speciale va alla città di Catanzaro che ci ha supportato. Abbiamo disputato un campionato importante, ma soprattutto c’è stata l’unione tra città e squadra, una simbiosi che ci ha dato davvero tanto coraggio. Ringrazio innanzitutto la città, poi a ruota ci sono il presidente, i direttori, il mio staff e poi i miei ragazzi che hanno disputato un anno sopra le righe. Grazie a tutti”.