Domani, sabato 9 dicembre, il Cosenza scenderà in campo contro il Cittadella nel match valido per la sedicesima giornata del campionato di Serie B.
I silani reduci da due sconfitte consecutive, quella nel Derby di Calabria contro il Catanzaro e contro la Ternana al Marulla nel turno precedente, cercheranno di espugnare il Tombolato e di tornare alla vittoria.
I tifosi non sono soddisfatti delle ultime uscite della squadra e la panchina del tecnico Fabio Caserta comincia a scricchiolare, tant’è che negli ultimi giorni sono uscite voci sui malumori della dirigenza e qualche indiscrezione in merito a presunti sostituti.

In conferenza stampa Fabio Caserta, allenatore del Cosenza, ha parlato del momento della squadra e della sua posizione, come riportato da La C News.

Foto Twitter account SerieBNews

“Io godo della massima fiducia del presidente e del direttore. Con loro ho sempre discusso degli obiettivi da raggiungere e siamo perfettamente in linea.
Gli obiettivi non si centrano a dicembre e il nostro è mantenere la categoria soffrendo il meno possibile evitando i playout. In tutti i campionati e in tutte le squadre ci sono i momenti negativi. Anche all’inizio abbiamo inanellato due ko e vedevamo nero, ma ne siamo usciti tutti insieme.
Il direttore sportivo Gemmi non ha parlato solo dopo la Ternana, lo fa sempre durante l’anno. È stato un confronto teso a smussare angoli e a captare le cose positive emerse il giorno prima. Guardare solo il lato negativo, porta pessimismo. Il Cosenza sta facendo un percorso buono, ma di certo può fare meglio”.

E in merito alla trasferta di Cittadella il tecnico dei silani ha dichiarato.

“Noi ci siamo preparati bene in settimana per andare a fare una grande partita. Abbiamo lavorato e continuiamo a lavorare sul calo dei secondi tempi, perché per me paghiamo il fatto di costruire tanto fino al break e di non concretizzare. Dico questo senza dare la colpa a nessuno. Vogliamo alzare ancora di più l’attenzione e restare dentro al match per l’intera durata. Il Cosenza ha una chiara identità, probabilmente deve essere più cattivo e percepire prima il pericolo.
Abbiamo provato situazioni tattiche differenti – ha chiuso l’allenatore -Zuccon ha avuto il problema al ginocchio e sta meglio, Marras si è allenato tutta la settimana con noi. Possono giocare entrambi dall’inizio”.