Domani, sabato 9 dicembre, alle 16:15 il Catanzaro ospiterà il Pisa allo stadio Nicola Ceravolo in occasione del match valido per la sedicesima giornata del campionato di Serie B.
I giallorossi, dopo la vittoria ottenuta nell’insidiosa trasferta di Palermo grazie ai gol della coppia gol Iemmello-Biasci, cercheranno di mantenere il trend positivo e di portare a casa il terzo successo consecutivo che gli consentirebbe di salire al terzo posto in classifica, in attesa di conoscere l’esito della sfida tra Como e Modena.
Mentre i toscani, che nelle ultime quattro giornate hanno incassato sei punti frutto di tre pareggi e una vittoria, cercheranno di espugnare il Ceravolo in modo da potersi avvicinare alla zona Playoff.

In conferenza stampa Vincenzo Vivarini, allenatore del Catanzaro, ha presentato la sfida interna contro il Pisa, come riportato dal sito Catanzaroinforma.

Fonte foto account Twitter @teoocchiuto

“Il Pisa? Una squadra diversa dalle altre che abbiamo affrontato finora. E’ la seconda per possesso palla e ha principi di gioco è che possono creare dei problemi abbiamo dovuto lavorare in maniera diversa.
Il suo è stato un percorso importante con la Primavera la Fiorentina dove ha dimostrato di essere un ragazzo intelligente e sveglio. Dobbiamo avere la capacità anche di capire come ha preparato la partita perché mi aspetto da parte del Pisa alcune variazioni.

Vincere aiuta a vincere, importante sempre avere una condizione psicofisica ottimale. Le prossime quattro gare importanti? Lo sono tutte indipendentemente dall’avversario. La serie B è un torneo particolarmente bello proprio per il suo equilibrio. Vincere o perdere, lo abbiamo visto e dobbiamo sempre tenerlo a mente, dipende anche dalla gestione dei dettagli. L’anno scorso in serie C noi abbiamo dominato, in B una squadra dominatrice come non può esistere visto il livello, il Parma ha una qualità stratosferica ma ha anche le sue giornate no.
Noi spesso in questo momento stiamo cambiando spesso campo di allenamento e questo incide sulla resistenza dei singoli giocatori. Questo alla lunga può causare qualche problema muscolare ma siamo nella media. Donnarumma e Situm hanno avuto la peggio. Biaschi e Ghion invece sono regolarmente in gruppo”.