Inzaghi Inter

Terminata la sosta dedicata agli impegni delle Nazionali, la Serie A torna in campo con la tredicesima giornata di campionato, che avrà come match clou l’attesissimo Derby d’Italia tra Juventus e Inter.
Le due squadre, al momento, sono le due prime della classe, occupando rispettivamente il primo posto i nerazzurri con 31 punti e il secondo i bianconeri con 29.
Gli uomini di Massimiliano Allegri, imbattuti da ben sette giornate di campionato, cercheranno di mantenere il trend positivo con una vittoria che gli consentirebbe di prendere momentaneamente il comando della classifica.
L’Inter dall’altra parte cercherà di tornare a casa con una vittoria che la porterebbe a +5 sui rivali.

In conferenza stampa il tecnico dell’Inter Simone Inzaghi ha presentato la sfida contro la Juventus nel Derby d’Italia, come riportato da Sportmediaset.

“Questa partita conta tantissimo, lo sappiamo tutti dalla squadra ai tifosi e la società. Non è decisiva però, siamo solo a un terzo del campionato.
Sarà una grande partita, stimolante e in uno stadio pieno. Si sfidano le prime due della classe, ma sappiamo tutti il significato di Juve-Inter. Stiamo facendo un ottimo percorso, difendendo bene e di squadra. I moduli sono simili e dovremo fare bene nei duelli individuali.
Ho dei grandissimi giocatori molto responsabili che hanno giocato tantissime partite importanti. Tanti giocatori sono rientrati ieri dalle nazionali, mi è sembrato giusto non fare il ritiro anche per questa partita visto che avremo tre partite di fila in trasferta. Ho preferito lasciare i ragazzi con le famiglie. Bastoni e Pavard non ci saranno, mentre Cuadrado e Sanchez valuteremo oggi. Il cileno ha una leggera distorsione alla caviglia.
Cercheremo di fare il nostro calcio, sapendo di affrontare una squadra molto forte, compatta e con grandi campioni. Servirà grandissima concentrazione contro una squadra come la Juventus.
Sono sempre state partite particolari
(i precedenti ndr). Fortunatamente negli ultimi anni abbiamo vinto molto specialmente nelle coppe, mentre in campionato abbiamo subito due sconfitte diverse. A Torino l’Inter fece una grande partita senza concretizzare, poi perdendo la concentrazione nella ripresa. Come detto dovremo stare concentrati per tutto il match”.