Prosegue il periodo negativo del Palermo. Nell’ultimo turno del campionato di Serie B prima della sosta per gli impegni delle Nazionali, i rosanero sono stati sconfitti di misura dal Cittadella per 0-1, incassando così la terza sconfitta nelle ultime cinque partite.
La compagine veneta è riuscita a espugnare il Renzo Barbera grazie al gol realizzato in extremis da Pandolfi, che ha consentito agli uomini di Edoardo Gorini di tornare a casa con tre punti preziosi.
Con questa sconfitta i rosanero restano fermi al terzo posto in classifica a quota 23 punti e, dopo la sosta, dovranno rimboccarsi la maniche per invertire il rendimento in campionato, guardandosi le spalle dalle dirette inseguitrici che, in questo momento, sono Cremonese, Modena e Como.


Nel post partita il tecnico del Palermo Eugenio Corini ha commentato la sconfitta contro il Cittadella, come riportato da Itasportpress.it.

corini palermo cosenza
Foto Twitter account CalcioTime

“Veniamo da un mese negativo e dobbiamo prenderne atto. Quando perdi ci sono poche giustificazioni. Sognavamo un periodo diverso dopo Modena. Ora dobbiamo stare zitti e provare in tutti i modi a reagire perché a volte si fa fatica a far capire certe situazioni. Ho cercato di capire cosa fosse la cosa migliore da fare, ma nulla abbiamo comunque pagato gli errori dell’ultima mezz’ora. La squadra è andata in sofferenza ed era estremamente confusa in alcune situazioni. Questo capita quando non hai lucidità e non ti riesce bene fare le cose. La squadra ha fatto tanta fatica nell’ultima mezz’ora, il calo è stato drastico, abbiamo perso le distanze e non abbiamo fatto quello che dovevamo fare. È vero che c’erano alcuni giocatori che non stavano benissimo, ma avremmo dovuto gestire le energie in un altro modo.  E’ un mese negativo