Sassuolo Dionisi

Domani, sabato 28 ottobre, alle ore 15:00 al Mapei Stadium di Reggio Emilia scenderanno in campo Sassuolo e Bologna per il derby emiliano valido per la decima giornata di Serie A. I neroverdi, reduci dalla sconfitta per 0-2 contro la Lazio nel turno precedente, cercheranno di portare a casa i tre punti che mancano dalla vittoria di San Siro contro l’Inter alla sesta giornata di campionato. Nelle ultime tre partite gli Berardi e company hanno collezionato due sconfitte e un pareggio ei in occasione del derby con il Bologna, cercheranno di tornare alla vittoria davanti al pubblico di casa. Diversa la situazione dei felsinei che, forti dei loro 14 punti in classifica, cercheranno proseguire la striscia positiva incassando nel derby contro il Sassuolo il nono risultato utile consecutivo.

In conferenza stampa Alessio Dionisi, allenatore del Sassuolo, ha presentato la sfida contro il Bologna valida per la decima giornata del campionato di Serie A, come riportato da TMW.

dionisi sassuolo
Foto Twitter account Calciostyle-La Serie A Nel Pallone⚽️

“La cosa più importante è mettere da parte la prestazione scorsa perché non abbiamo fatto e se abbiamo fatto abbiamo fatto tanti errori e ricaricarci per la partita di domani, con un avversario importante. È un derby che in passato non ci ha visto vincenti tante volte in casa ma il passato non conta. Dobbiamo riscattarci, dobbiamo mettere tutto quello che abbiamo messo nelle gare precedenti in termini di attributi e carattere, poi anche qualità.

Il Bologna viene da un trend positivo, mi piace come squadra, come organico e come giocano, soprattutto perché non sono molto leggibili, hanno giocatori di movimento, si muovono tanto, tatticamente ci sono giocatori intelligenti e questo può complicare la nostra partita difensiva perché servono letture da preparare in settimana ma anche in campo in base alle posizioni che poi vanno a prendere i giocatori in campo. Se vado a vedere nei numeri, in 10 partite il Bologna ha fatto 4 punti in più di noi. Non facciamo la gara sul Bologna ma se ci sono parole di elogio per il Bologna per 4 punti in più non dovrebbero esserci parole negative col Sassuolo per 10 punti in 9 partite.

Dovremo essere bravi a non dare la palla a loro, il Bologna ce l’ha la palla, se la deve prendere, alla Lazio l’abbiamo data. Qualche elemento non ha acquisito ancora le sue sicurezze, a qualcuno lo concedo ancora, in una partita nata non proprio nelle tue corde, si sono messi un po’ all’ombra e se ti metti all’ombra in Serie A fai fatica, perché siamo una squadra offensiva più che difensiva, e fai fatica poi in entrambe le fasi. Dobbiamo essere più coraggiosi nella manovra offensiva e più squadra nella manovra difensiva, non è l’approccio ma l’atteggiamento generale dal 1′ all’ultimo minuto.

Qualche cambiamento potrebbe esserci, ci sarà, l’ultima formazione è stata condizionata anche dagli impegni della Nazionale. Sperando di recuperare qualche giocatore, ci siamo allenati tutti, è normale che qualche riflessione a 360° l’allenatore le farà, poi mi piace condividerle con la squadra e non con voi. La possibilità di scelta sarà maggiore.

Una partita non cambia tutto, non butta giù un castello, noi stiamo costruendo e non è che butti giù tutto per due mattoni messi male, mi sembra un’eresia. Non siamo costruiti per fare punti non prendendo gol ma per avere una mentalità offensiva, fermo restando che dobbiamo essere più equilibrati, sabato non lo siamo stati.

Rientra qualcuno però non mi piace fare nomi perché nelle ultime conferenze succede poi che perdiamo qualcuno, a voi può sembrare pretattica ma non è così. Samu (Castillejo ndr) è duttile e intelligente, può mettere qualità nella squadra, dipende da come interpretiamo la partita e con che interpreti vogliamo giocare”.