Dopo la parentesi (finita male) con la Reggina, Filippo Inzaghi è fermo. La squadra amaranto non è riuscita ad iscriversi al prossimo campionato di Serie B e adesso il destino è tutto da riscrivere. C’è chi parla della Serie D o chi della Serie Eccellenza oppure rimanere fermo. Una fine ingloriosa per una dei club che hanno regalato gioie ai tifosi del calcio italiano. Inzaghi adesso è alla ricerca di un club che possa essere adatto ai suoi schemi e alle sue tattiche. Al Messaggero Filippo Inzaghi ha parlato delle dimissioni di Roberto Mancini dalla panchina dell’Italia: “Non mi hanno sorpreso e neanche scosso ma non partecipo ai processi collettivi. Se ha agito così avrà avuto le sue buone ragioni, che non dobbiamo giudicare dall’esterno. Alla fine l’Italia ha trovato il miglior allenatore in circolazione, Spalletti, e Roberto è andato ad allenare in Arabia. Ognuno ha avuto quello che desiderava ma non dimentichiamo mai che l’ex ct ha vinto con la Nazionale un titolo europeo che nessuno si aspettava“.

Foto video youtube Reggina

Inzaghi ha poi difeso a spada tratta le abilità di Ciro Immobile, neo capitano dell’Italia: “Ma vogliamo ancora discutere uno come Ciro Immobile? Siamo davanti al più grande attaccante italiano degli ultimi otto-dieci anni. Oltre 200 gol in sei o sette stagioni con la Lazio: ma di cosa parliamo, perché ancora qualcuno lo contesta? Spalletti, che adotta lo stesso modulo di Sarri, ripartirà da lui, ma non solo”.