• Tempo di lettura:2Minuti

Il Milan espugna il Dall’Ara con i gol di Giroud e Pulisic: anche i rossoneri si aggiudicano i primi tre punti della stagione ai danni del Bologna di Thiago Motta. Al termine del match contro i rossoblù, Stefano Pioli ha analizzato la vittoria dei suoi. Ecco cos’ha detto ai microfoni di DAZN.

Le parole di Pioli su Bologna-Milan

“Penso sempre che più metti in campo calciatori di qualità e più probabilità ci sono di segnare. Oggi si sono viste belle cose, anche se dobbiamo lavorare ancora tanto. I giocatori che sono arrivati sanno giocare a calcio e ci possono aiutare nella crescita. Mi piace l’atteggiamento dei nostri giocatori. Sono soddisfatto, ai dirigenti avevo chiesto certe caratteristiche e sono arrivate. Sta nascendo un bel gruppo, i vecchi sono stati bravi a far inserire i nuovi. Secondo tempo? Potevamo gestire meglio la palla, fa parte del lavoro che dobbiamo fare per stare meglio dentro la partita.”

Pioli su Giroud e Pulisic

Stefano Pioli poi si ferma a parlare di Giroud e Pulisic, marcatori della serata:

“Che Pulisic sia un talento lo sapevo, quando ho parlato con lui ero convinto che stavamo prendendo un elemento di grande qualità che può giocare anche sotto punta. Ci sono però tante cose che possiamo fare ancora meglio, dobbiamo lavorare”.

E su Giroud:

“Olivier è un leader dal punto di vista tecnico e degli atteggiamenti, sempre disponibile a lavorare per la squadra e a finalizzare. Lui è felice qui, non è più così giovane e dovremo trovare il modo di farlo rifiatare ma sono molto contento di poterlo allenare”.

Pioli su Leao e la mancanza di Ibrahimovic

“Credo di sì, parlo tutti i giorni con Rafa al quale dico che è dotato di superpoteri da mettere a disposizione della squadra. Se impareremo a giocare meglio senza palla sono sicuro che ci toglieremo delle soddisfazioni”.

E su Ibrahimovic:

“Zlatan ci manca ma la cosa più bella che ha fatto è stata farci crescere sul piano mentale. Dal punto di vista caratteriale Maignan è quello che può avvicinarsi di più a lui”.