Paul Pogba domani rientrerà in anticipo alla Continassa, una settimana prima rispetto al resto della squadra, e incontrerà il nuovo ds Giuntoli

L’incontro consentirà ai due di conoscersi da vicino e di capire le sensazioni in vista della nuova stagione bianconera.

Dopo la vacanza a Miami Pogba deve recuperare una stagione, praticamente persa a causa dei suoi problemi fisici. Anche per questo motivo non sarà un ritiro estivo uguale agli altri. 

Nel frattempo anche a Torino risuonano le sirene arabe ma la proposta saudita non sembra così indecente da far girare la testa al francese che, raggiunto dalla sua procuratrice Rafaela Pimenta, ha (per ora) declinato l’offerta. 

L’IDEA DELLA JUVE 

Il club bianconero da parte sua vuole rivedere Pogba in campo perché è fermamente convinto che possa essere un valore aggiunto alla rosa di Allegri. 
Allo stesso tempo però deve valutare la situazione e la possibilità di risparmiare qualcosa sull’ ingaggio del centrocampista, qualora le sue prestazioni non dovessero essere al top. Se una volta ripresi gli allenamenti, continueranno ad esserci i suoi problemi fisici, la Juventus sarebbe portata a malincuore a valutare il suo addio. Il mese di luglio sarà sicuramente il mese della verità e, con gli arabi che bussano alla porta, lo scenario non è più così limpido come mesi fa. 

Per ora quello che filtra è che la Juve lo consideri quasi come un nuovo acquisto con cui ripartire da zero, magari con Pogba come spalla della prima punta con tre centrocampisti dietro di lui. Staremo a vedere cosa deciderà anche Giuntoli dopo il suo incontro con il giocatore atteso in settimana.