• Tempo di lettura:2Minuti

Fabio Capello, ex allenatore, ha parlato ai microfoni di La Repubblica delle critiche ricevute di Sacchi a Inzaghi e svela come battere il City.

Le parole di Capello:

Sulla finale di Champions League:  “Non mi stanno piacendo le voci che sento. L’Inter non deve essere già dichiarata persa col City ma dovrà semplicemente giocarsela in campo. Dovrà recuperare palla e aprire il gioco dalla parte opposta e Il City soffre molto questo giro di campo. E in FA Cup dopo 25 minuti è calato. L’Inter è in condizione ottimale, per me Inzaghi ha fatto un bel lavoro”.

Su Sacchi: “Fa benissimo Inzaghi a non rispondere. Non c’è un solo modo giusto di giocare e vincere. Perché fare 20 passaggi se ne bastano 3? L’importante è posizionare i giocatori nella maniera giusta in modo tale che rendino al massimo”.

Su Guardiola: “Facile così, sono sette anni che ha in mano il bancomat. Può addirittura permettersi di lasciare in panchina Foden e Julian Alvarez…”.

Su Zhang: “Ho grandi ricordi di Zhang quando allenavo lo Jiangsu Suning. E’ una persona con grande personalità, una di quelle persone che, quando parlano, gli altri stanno in silenzio. Nei discorsi alla squadra guardava solo me e Sabatini, per far capire ai giocatori che dovevano prenderci sul serio. Steven è una persona sveglia e sa ascoltare”.

Seguiteci su Instagram!