• Tempo di lettura:2Minuti

Il Palermo è stata estromessa dalla lotta per la conquista alla Serie A a causa del pareggio col Brescia. I rosanero sono stati superati dalla Reggina, grazie al gol di Canotto, e il pari con le Rondinelle ha gettato nello sconforto i tifosi. Adesso serviranno capire chi ha intenzione di restare col club e i direttori sportivi trovare dei rimpiazzi e potenziare la rosa in vista della prossima annata. Una cosa è certa: in pochi anni il Palermo è passato dal fallimento al vicino piazzamento playoff di Serie B in un lasso di tempo molto breve.

Foto Twitter account Palermo F.C.

L’Amministratore Delegato del Palermo Giovanni Gardini ha analizzato la stagione della squadra rosanero e svelato quali sono gli obiettivi futuri, come ha riportato LiveSicilia: “Ma i tifosi, che siano scontenti, è un loro diritto, è corretto. Ci hanno sostenuto per tutta la stagione e avere portato 32.000 persone allo stadio in occasione dell’ultima partita decisiva con il Brescia è un motivo di orgoglio e un motivo di soddisfazione e anche un grandissimo senso di responsabilità. Perché quindi significa che questa piazza e questi tifosi meritano quello che stanno cercando di chiedere. E noi abbiamo il dovere di portarli dove loro vogliono e quindi è ancora maggiore la responsabilità che ci sentiamo tutti noi addosso. Noi chiediamo soltanto il fatto di essere valutati in base a quello che si fa e non a quello che si dice. E in questo senso è molto importante la valutazione che il tempo deve essere appunto un’opportunità da sfruttare e non un alibi. Abbiamo però cominciato a costruire una società che quattro anni fa era in Serie D. Un anno fa si erano vinti i play-off. Pochi giorni prima dell’inizio del campionato allenatore e direttore sportivo hanno deciso di prendere una strada diversa e abbiamo dovuto ripartire con una nuova proprietà. E quest’anno sarà il primo anno in cui la nuova proprietà potrà programmare la prossima stagione“.