Sparito completamente dai radar sul campo, torna in auge il suo nome per il mercato: indizi che portano a Daniele Rugani, ormai panchinaro fisso in casa Juventus. L’ex Empoli è da un paio d’anni una zavorra lussuosa che i bianconeri non sono ancora riusciti a vendere, specie per il suo ingaggio da 3 milioni netti che non permette alle piccole squadre di poterci investire. In estate, infatti, si parlava di Empoli e Sampdoria ma entrambe non hanno potuto soddisfare le richieste del giocatore, il quale farebbe bene a rivedere i suoi parametri di guadagno. Come un fulmine a ciel sereno, è piombato il Valencia di Rino Gattuso sul classe ’94.

Gli spagnoli stanno passando un periodo molto travagliato, di scarsi risultati e prestazioni che hanno relegato il Valencia in 12° posizione, a +3 dalla zona retrocessione che ormai incute paura. Ringhio sembra aver perso quel tocco di entrare mentalmente dentro la testa dei giocatori, tanto è vero che la sua posizione è molto in bilico e i tifosi ne avrebbero già chiesto la testa. Il Valencia ha fatto capire che vuole subito Rugani e non aspettare l’estate: come riporta Sportmediaset, l’offerta recapitata alla Juventus sarebbe di 3 milioni di euro per chiudere subito la trattativa.

Un trasferimento che, nel caso si compiesse, farebbe felice entrambe le parti: i bianconeri si libererebbero di un giocatore a cui non fanno più affidamento (appena 3 presenze stagionali), il Valencia andrebbe ad irrobustire la difesa con un calciatore di esperienza e che potrebbe avere le giuste motivazioni per rilanciare una carriera che a 28 anni sembra già finita. Al momento, l’unica esperienza estera di Rugani rimane quella al Rennes, non andata benissimo tra l’altro. Per il Valencia sarebbe il classico “investimento” ma Gattuso conterà sulla sua affidabilità italiana per consegnargli le chiavi di gestione della retroguardia. Si attendono sviluppi.

Seguici anche su News e ultime notizie oggi da Italia e Mondo – Per Sempre News