dionisi sassuolo

La Lazio espugna il Mapei Stadium e il Sassuolo colleziona la terza sconfitta consecutiva e si apre una vera e propria crisi in casa emiliana. I neroverdi non vincono dallo scorso 24 Ottobre nella gara interna contro il Verona e Alessio Dionisi ha analizzato la sconfitta contro i biancocelesti ai microfoni di DAZN. Ecco le sue parole.

Le parole di Dionisi su Sassuolo-Lazio

Se analizziamo il trend è negativo, non siamo contenti. Oggi abbiamo fatto un primo tempo di alto livello, se devo parlare della prestazione. Poi ci siamo complicati la vita. Sul primo calcio d’angolo della Lazio abbiamo concesso il rigore, poi bravi loro, anche se hanno buttato la palla in mezzo e l’hanno colpita di testa. Meno noi, siamo stati meno cinici nel primo tempo. La situazione del rigore cambia la partita, perché tu devi recuperare, loro invece possono gestire e, con i giocatori bravi che hanno, possono ripartire in contropiede. Peccato, abbiamo tenuto bene il campo, espresso qualità nel gioco, ci è mancato l’ultimo passaggio e la finalizzazione. Questo quando si ripete va analizzata ad ampio raggio“.

Dionisi sul possibile esonero

Ognuno di noi deve assumersi le responsabilità. L’allenatore è qui a parlare ed in primis se le assume. Mi sembra riduttivo parlare di chi è entrato o di chi ha giocato, parlare di singoli non è giusto e non mi piace. Io cerco di risolvere i problemi, siamo responsabili di quello che stiamo facendo ed io sono il primo. Devo pensare a quello e non a quello che non si può risolvere“.

Poi conclude:

Posizione non salda? Non sta a me dirlo, sono l’allenatore del Sassuolo e sono convinto che il risultato che dobbiamo ottenere lo otterremo, sono pronto a scommetterci. Come si recupera da questo momento? Mettendoci la faccia, lo stiamo facendo. Io sono qui a parlare, la società non ha problemi a farlo, i giocatori sono andati dai tifosi a parlare, è un bel segnale. In questo momento l’importante è assumersi le responsabilità per risolvere i problemi”.

Seguici anche su Instagram