“In un momento così doloroso e triste per il calcio italiano e in particolare per il nostro club, dovuto alla prematura scomparsa della nostra bandiera Gianluca Vialli, esempio di altissima umanità e professionalità che vogliamo ancora oggi ricordare, il Consiglio di Amministrazione della Sampdoria ha voluto attendere qualche giorno in segno di rispettoso e doveroso riserbo prima di fornire un aggiornamento in merito ad alcuni eventi societari. È passato un anno da quando il Consiglio è stato nominato e lo stesso è ormai prossimo alla scadenza del proprio incarico, che terminerà con l’approvazione del bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2022. Come amministratori, su richiesta del trustee, abbiamo condiviso e continuiamo a condividere tutte le informazioni societarie con i diversi potenziali acquirenti, o eventuali sottoscrittori di debito, che, anche in questi giorni, stanno facendo le proprie valutazioni al fine di portare avanti delle proposte. Non è compito del Consiglio esprimere preferenze su chi debbano essere gli azionisti della società così come esula dal suo ruolo deliberare operazioni di ricapitalizzazione che sono di competenza dei soci, peraltro già convocati a questo proposito in assemblea d’accordo con il Collegio Sindacale”.

Questo è parte del comunicato che la Sampdoria ha emanato sulla sua situazione amministrativa e finanziaria del club. Una vera e propria crisi che sta mettendo col fiato sospeso i tifosi che oltre ai fatti relativi al campo, stanno iniziando a preoccuparsi anche per il lato amministrativo. La situazione dunque è molto complessa e complicata che potrebbe togliere non solo energie psichiche ai giocatori, ma anche all’intero staff tecnico.

Seguici su Instagram!