• Tempo di lettura:2Minuti

Dejan Kulusevski ha coronato il suo clamoroso 2022 vincendo il Pallone d’Oro svedese: il jolly offensivo del Tottenham ha celebrato un anno solare eccezionale in maglia Spurs e sotto la guida di Antonio Conte. Nonostante Ibra ne abbia vinti ben 12, Kulusevski ha superato Zlatan in quanto a precocità dato che il suo connazionale più famoso ha vinto il primo riconoscimento a 24 anni, mentre l’ex di Parma e Juve ha ricevuto il Pallone d’Oro della sua nazione a soli 22 anni.

A margine della premiazione, lo svedese ha parlato della sua consacrazione in Premier League:

 “L’intero 2022 è stato assolutamente fantastico, in realtà. Vengo al Tottenham e mi sembra di riprendermi la vita, riprendermi la fame che avevo, tutto. Sento che sto migliorando ogni giorno e mi diverto moltissimo quando gioco in campo. Penso di poter migliorare molto, sono sulla buona strada. Mi sento come se stessi imparando cose nuove ogni giorno e che sto sviluppando la mia comprensione del gioco. Mi sento davvero bene in questo momento”.

kulusevski pallone d'oro
Fonte sito ufficiale Juventus FC

Kulusevski ha ammesso di aver avuto un periodo di crisi “esistenziale” con l’arrivo di Allegri sulla panchina bianconera. ma il peggio è alle spalle grazie alla sua esplosione nel campionato più ricco e difficile del mondo:

Nella seconda stagione alla Juventus ho iniziato a dubitare di me stesso, è arrivata questa voce. ‘Forse non sono così bravo come penso’. È la cosa peggiore che possa capitare a un calciatore. Quindi inizi a dubitare di tutte le decisioni che prendi sul campo. È stato un periodo difficile, ma mi ha reso più forte. Mi sento come se non fossi mai stato meglio di adesso. Sono in un posto fantastico, dentro e fuori dal campo. Ci saranno anche momenti brutti. Adesso le cose vanno bene in Nazionale, le cose vanno bene nel club. Ma sono sempre pronto nel caso finisca”.

Seguici anche su Instagram!