pagelle biancocelesti

Ultima sfida della Serie A di questo 2022, Juve Lazio ha animato la seconda domenica di novembre. La squadra di Allegri ha steso la formazione di Sarri con un netto 3-0, grazie alla doppietta di Kean e il gol di Milik. Con questa vittoria, i bianconeri superano proprio i biancocelesti in classifica e arrivano a 31 punti, al terzo posto, una lunghezza sopra i capitolini. Prova da brividi per i ragazzi di Sarri, che collezionano la terza sconfitta stagionale dopo Napoli e Salernitana. Ecco le pagelle dei biancocelesti.

Le pagelle di Juve Lazio

Di seguito tutte le pagelle date, giocatore per giocatore, titolare e sostituto della Lazio nel match contro la Juve.

PROVEDEL 5 – 40 minuti di buona prestazione ma sul gol dell’1-0 della Juve prova a fare qualcosa che riesce veramente poco a un portiere. Troppo stanco

HYSAJ 5 – Parte di nuovo titolare ma stavolta sostituisce Lazzari. Fa il suo ma non troppo, si fa sovrastare prima da Kostic su quella fascia e poi da Chiesa. (Dal 69′ GILA 4,5 – In un ruolo veramente inventato, il numero 34 fa vedere di non essere all’altezza della situazione, come in occasione del terzo gol bianconero)

CASALE 5,5 – Insieme al compagno di reparto centrale Romagnoli, fa sempre il suo. Partecipa al disastro corale del primo gol ma riesce a riprendersi durante la gara e ricostruisce il muro centrale. Decisamente più titolare di Patric.

ROMAGNOLI 5,5 – Insieme a Casale riesce a consolidare la coppia centrale in difesa, è uno dei pochissimi a crederci. Sempre più nella mentalità laziale.

MARUSIC 5 – Sulla sua fascia c’è Cuadrado che riesce a contenere nel primo tempo. Tornato in campo non riesce a fare nemmeno più quello. Pochi affondi in fase offensiva.

CATALDI 5,5 – Lavoro ordinario, mai incisivo a centrocampo. Non in serata, come tutto il centrocampo e il resto della squadra. Troppo stanco anche lui? (Dal 58′ VECINO SV – qualcuno lo ha visto in campo? Completamente anonimo)

BASIC 5 – Ennesima prestazione sottotono, sorniona e disordinata. Nel primo tempo, sullo 0-0 prova un pressing molto alto ma sempre sterile. (Dal 58′ LUIS ALBERTO SV – Come il compagno Vecino, è molto più anonimo e non si fa vedere là davanti se non negli ultimi minuti ma senza successo)

MILINKOVIC 4,5 – Maglia da titolare e fascia da capitano al braccio, continua a giocare veramente sottotono, facendo pensare a molti che si voglia preservare per il mondiale. E poi l’errore fatidico sull’azione dell’1-0 Juve. Niente di bello da vedere se non gli applausi dello Stadium quando esce dal campo. (Dal 77′ MARCOS ANTONIO SV).

PEDRO 6 – L’unico a provarci fino alla fine, anche a sconfitta già incassata. Non molla mai, professionalità e mentalità.

FELIPE ANDERSON 5 – Poco incisivo lì davanti, spesso sembra un pesce fuor d’acqua. Viene completamente annullato dai tre difensori bianconeri.

LUKA ROMERO 6 – Prova qualche timido spunto sulla destra ma senza successo. Spesso raddoppiato in copertura da Rabiot che gli concede poco o nulla. (Dal 69′ CANCELLIERI SV).

Seguici anche su Instagram