Ivan Juric è intervenuto nella consueta conferenza stampa pre-partita che vedrà opposti Torino e Sampdoria. Ecco le parole del tecnico croato dalla sala stampa dell’Olimpico Grande Torino.

Come stanno Sanabria e Pellegri?
“Sanabria potrebbe essere utile a partita in corso perché solo ieri ha fatto il primo allenamento con il resto della squadra. La buona notizia è che per Pellegri abbiamo escluso un infortunio più grave e prova questa mattina per vedere se riesce ad allenarsi il pomeriggio.”

La squadra ha alti e bassi, come se li spiega?
“Si spiega con la qualità dei giocatori, che sono splendidi e vanno anche oltre le loro possibilità perché sono motivati. A volte però emergono delle difficoltà. Ovviamente non vorrei avere bassi, ma capitano.”

Se Pellegri si allenerà domani potrà giocare?
“Credo proprio di sì. Abbiamo impiegato un giocatore con altre caratteristiche, Karamoh, nonostante l’impegno. La punta è fondamentale, soprattutto quando si affrontano difese a tre. Passa tutto da loro e l’abbiamo visto la scorsa gara con Arnautovic.”

Le motivazioni ci sono?
“Se non ci fossero sarebbe gravissimo, ma non è questo il caso. I miei giocatori fanno leva su questo anche per sopperire a qualche lacuna in fatto di qualità: non ho dubbi su questo. Da quando alleno il Torino non ho mai visto giocatori svogliati.”

Cosa non le è piaciuto con il Bologna e che cosa si aspetta domani dai suoi con la Samp?
“Come abbiamo gestito la partita nella ripresa, quando era tutto sotto controllo. Un gol preso diciamo per disattenzione in un momento in cui avevo la sensazione che saremmo stati tosti e concentrati. Non mi è piaciuto questo e altre cose. La Samp è in difficoltà, ma sta assimilando i concetti del nuovo allenatore e i giocatori sono di livello. Contro la Fiorentina i blucerchiati hanno fato un ottima gara, ma nel calcio a volte gira tutto male, anche intere annate. Se non saremo al 100% contro di loro perderemo.”

Forse alla squadra manca un po’ di malizia?
“Nel primo quarto d’ora del secondo tempo con il Bologna non direi, rubavamo tanti palloni e creavamo situazioni pericolose. Contro il Milan abbiamo giocato all’italiana e sembrava che mentalmente avessimo fatto un salto di qualità. Loro hanno Arnautovic che è di un altra categoria, ha la giocata e sa far girare tutta la squadra con la sua classe. Abbiamo preso gol banali in un momento positivo in cui pensavo avessimo fatto quello step di portare il risultato a casa. Poco maliziosi, abbiamo permesso al Bologna di rientrare in partita. Abbiamo resuscitato anche lo stadio e abbiamo dato forza a loro, prendendo gol per mancanza di concentrazione.”

Radonjic può essere una soluzione?
“Lui dipende tanto dai difensori che affronta, ma anche in allenamento. Quando affronta uno forte non la tocca, con uno meno forte si diverte. Deve fare un percorso di crescita sotto questo punto di vista. Ad allenarsi si allena forte, ma deve dare la possibilità al proprio tecnico di fidarsi di lui, senza perdere le caratteristiche che ha. Io sono sicuro che sia sulla strada giusta per fare vedere tutto il suo potenziale.”

Ci sarà qualche rotazione?
“Dipenderà dall’allenamento di oggi. In una settimana da tre partite, soprattutto nell’ultima il livello di prestazione tende ad abbassarsi e avendo cinque difensori centrali si potrebbe pensare a qualche rotazione. La sensazione è che in questo Torino tutti devono essere al 100% per nascondere determinate difficoltà”

Potrà giocare Zima?
“Possono giocare sia lui che Rodriguez, devo ancora vedere se hanno recuperato oggi in allenamento pria di decidere.”

Per il futuro serve un terzo attaccante?
“A Verona abbiamo dimostrato di trovarci bene anche senza un attaccante ma nel calcio di adesso che è fatto di pressione, bisogna appoggiarsi alla punta centrale che fa girare la squadra o attacca la profondità. A Bologna lo abbiamo visto con Arnautovic, come tiene palla e permette alla squadra di salire. Numericamente ci siamo, ma dipende dalla qualità ma in generale tre punte per un posto sono troppe.”

Cambierà qualche cosa a centrocampo?
“Che torna Linetty dalla squalifica e sicuramente giocherà.”