• Tempo di lettura:2Minuti

Il restyling della Juve potrebbe iniziare già a gennaio

Il pessimo inizio di stagione della Juventus ha fatto capire ai dirigenti bianconeri che non c’è tempo da perdere per riorganizzare la rosa. Al vaglio della società, tra gennaio e giugno, vi sono Griezmann (Atletico Madrid), Asensio (Real Madrid) e Pulisic (Chelsea) e N’Dicka (Eintracht).

In uscita ci sono nomi come il nuovo arrivato Di María, o Alex Sandro, Cuadrado e Rabiot. Muriel e Gasperini (attaccante e allenatore dell’Atalanta) sono due degli obiettivi. Per la panchina si segue anche Vincenzo Italiano. In bilico anche i rinnovi dei prestiti di Milik e Paredes (per un chiarimento sul prestito con obbligo, vedere qui).

Marco Asensio Willemsen evoca brutti ricordi alla Juve. D’altronde li evocavano anche De Ligt e CR7, entrambi finiti alla corte di Madama. L’esterno del Real Madrid non è titolare nello scacchiere di Ancelotti e può andare via entro giugno. Su di lui tanti club europei, ma la Juve è in prima fila. La fiducia ripostagli da Ancelotti la scorsa stagione non gli è stata rinnovata in quella attuale. Il maiorchino ha disputato pochi spezzoni di gara e punta ad andare a giocare.

Basti pensare che a giugno il Real chiedeva 40 milioni per il suo gioiello. Con il contratto in scadenza tra sei mesi, le Merengues assistono da spettatrici. Ciò corrobora la possibilità di un addio di Asensio, sponda Juve, per gennaio. Da valutare naturalmente la questione slot. Le fasce sono già occupate da Di Maria, Kostic e dal rientrante Chiesa. Molto più facile pensare a un suo approdo a zero tra 9 mesi. Lo spagnolo percepisce circa 6 milioni di euro netti a stagione. Con il Decreto Crescita, il suo ingaggio rientra ampiamente nei parametri bianconeri.

Evan N’Dicka percepisce invece “appena” 500.000 euro a stagione. Il franco-camerunese, classe ’99, ha anch’egli il contratto in scadenza a giugno 2023. Possibile che la Juve avanti con l’acquisto per gennaio, corrispondendo un indennizzo al club tedesco. Mandando, ad esempio, Rugani in prestito, non sarebbe un problema liberare la slot.

Altri nomi seguiti sono quelli citati, ma è un discorso da affrontare per giugno. Compreso quello per Alejandro Grimaldo. Lo spagnolo, classe ’95, autore di un gol straordinario contro l’Hapoel in Champions, è uno dei vari giocatori con il contratto in scadenza a giugno. Eppure il Benfica non ha alcuna intenzione di perderlo a gennaio, visto che l’obiettivo titolo portoghese è quantomai reale.