Ronaldo

L’estate che sta vivendo Cristiano Ronaldo ha dell’incredibile. Da lusso a esubero, da magnificenza a zavorra. Se prima era un’utopia che un giocatore del genere venisse accostato a diverse squadre europee, adesso sta diventando una mina vagante che tutti disdegnano. CR7 è passato ad essere il più forte di tutti al giocatore che nessuno vuole più, per età, ingaggio e per il suo essere “distruttore”. Etichetta che dai tempi della Juventus ha regnato sovrana sul suo conto. Una metamorfosi che probabilmente neanche lui stesso si aspettava, considerando che rimane una macchina da quasi 700 gol in carriera. La sua voglia sfrenata di essere protagonista ancora in Champions League, competizione che lo United non può offrirgli quest’anno, lo sta contagiando in una brutta copia.

Il fenomeno portoghese freme dalla voglia di cambiare aria, anche perché il rapporto con Ten Hag sembra ormai ai minimi storici. Vedendo poi l’inizio horror di campionato, tutto fa presagire che o Ronaldo se ne va (ma dove?) oppure il rischio di diventare un separato in casa per un’intera stagione può concretizzarsi per davvero. Intanto, oggi il Corriere dello Sport ha rivelato un dietrofront clamoroso, secondo il quale Jorge Mendes avrebbe proposto il suo assistito a Milan e Inter ad inizio estate. La risposta da parte di entrambe le squadre non si è fatta di certo attendere, con un No secco che sapeva di ennesima bocciatura.

I 24 milioni netti che percepisce a Manchester sono un monte insormontabile per chiunque, figuriamoci per le italiane. Insomma, Cristiano Ronaldo rischia di concludere la carriera in malo modo, quando in teoria dovrebbe guardare in faccia la realtà e accettarla per come è. La Champions l’ha dominata per anni ma adesso i tempi sono cambiati, gli scenari anche. Finire dignitosamente una carriera semplicemente straordinaria sarebbe una mossa vantaggiosa per tutti, lui in primis.

Seguici anche su News e ultime notizie oggi da Italia e Mondo – Per Sempre News