• Tempo di lettura:1Minuto

Per questioni di bilancio, il mercato dell’Inter era limitato, in quanto la società neroazzurra dovrebbe registrare un attivo di 60 milioni di euro.

La dirigenza neroazzurra aveva ricevuto delle indicazioni chiare sui limiti che dovevano rispettare per regolarizzare il bilancio.

Infatti, l’Inter entro il 1 settembre doveva registrare un attivo di 60 milioni, limite che è stato posticipato a giugno 2023.

Quindi, si è passati dalla chiusura di questa finestra di mercato alla chiusura del prossimo bilancio.

Per il club neroazzurro questa è una grande boccata d’ossigeno che gli permette di fare mercato con più tranquillità e lucidità senza avere il pressing di fare cessioni obbligatorie all’istante.

Qui entra in gioco l’abilità del direttore sportivo Marotta, che ha un anno per sistemare i conti del bilancio dell’Inter.

Marotta quindi, potrebbe decidere di vendere con calma un solo big, si parla di Skriniar al PSG, oppure fare piccole cessioni creando tante plusvalenze.