zanetti qatar airways

Javier Zanetti ha scritto una delle pagine più belle della storia dell’Inter. Giunto in Italia nel 1995 il difensore ha vinto qualsiasi cosa con la maglia neroazzurra. In 858 partite l’argentino ha realizzato 21 gol ma ha conquistato: 4 Coppa Italia, 4 Supercoppa Italiana, 5 scudetti, 1 Coppa Uefa, 1 Champions League, 1 Mondiale per Club. Un palmares pazzesco condito col record di presenze con la maglia dell’Inter. Adesso Javier Zanetti è il vice Presidente della squadra e da dirigente si è tolto la gioia di vincere 1 scudetto, 1 Coppa Italia e 1 Supercoppa Italiana.

Intervistato da Inter Tv ‘Careers’, come ha riportato il Corriere dello Sport, Javier Zanetti ha parlato dei suoi momenti da giocatore trascorsi all’Inter: “bellissimo ricordo, era la mia presentazione con Sebastian Rambert. C’era una grande persona come Giacinto Facchetti, che ha fatto la storia del club. E’ stato il mio primo impatto con l’Italia, questa foto rappresenta l’inizio della mia carriera all’Inter. Era la prima volta che indossavo un abito, in Argentina lo usavi solo per le grandi feste. Quando ho saputo che l’Inter mi aveva preso ho dovuto comprarmi un abito che mi costò anche caro. Rambert lo sento ogni tanto, è il vice di Ramon Diaz. C’è un bellissimo rapporto, per entrambi era un sogno arrivare all’Inter. Era lui il più forte in quel momento, in quel momento ero uno sconosciuto mentre lui era stato capocannoniere in Argentina. Però ho avuto la felicità di iniziare a giocare e di non fermarmi più. Io come Facchetti? Parlare di Giacinto è una grande emozione, da quando l’ho conosciuto ho capito che si trattava di una grandissima persona. La sua presenza ad Appiano valeva il rispetto di tutti. Mi ha insegnato tanto, mi manca tanto; avrò sempre un grandissimo ricordo”.