• Tempo di lettura:4Minuti

L’Italia è stata strapazzata dal gioco dell’Argentina e ha perso il trofeo Finalissima. Un netto 3-0 molto stretto alla squadra allenata da Scaloni che per in lungo e il largo ha dominato la gara. Una sconfitta che sta proseguendo il pessimo rendimento dell’Italia dopo l’eliminazione dai playoff validi per i Mondiali di Qatar 2022. La prima parte di gioco è stata molto tattica con l’Argentina che ha proposto buoni spunti offensivi e tattici. La squadra di Scaloni in quattro anni è totalmente rivalutata grazie al gioco aeroso e delle fasce che corrono palla a piede. La prima azione è di targa Albiceleste che con Di Maria ha provato il gol che avrebbe fatto crollare lo stadio. La risposta azzurra è di Raspadori che al limite dal l’area di rigore ha mandato a lato. La fase centrale del primo tempo è stata molto tattica con pochi spunti da ambo le parti. Solo un timido tentativo di Belotti da registrare, ma il portiere dell’Argentina ha parato facile. Al 26’ Messi ha iniziato a deliziare i tifosi allo stadio: l’attaccante del Paris Saint Germain ha realizzato ottime giocate che hanno entusiasmato la folla accorsa a vedere la partita. Al 28’ l’Argentina è andata in vantaggio proprio grazie all’invenzione della Pulce: l’attaccante ha servito un pallone perfetto nei piedi di Lautaro Martinez che ha battuto Donnarumma.

Foto Twitter account Argentina

La risposta dell’Italia è stata di Barella, ma il centrocampista dell’Inter non è riuscito a realizzare l’1-1. Al 39’ ammonizione per Leonardo Bonucci su fallo su Messi. L’arbitro non ha voluto calcare la mano perché il fallo era da rosso in altre circostanze. Al 46’ l’Argentina ha trovato la via del gol per il 2-0. Lautaro Martinez ha trovato uno scattante Di Maria che ha bruciato Chiellini e con un pallonetto ha battuto Donnarumma. Un gol molto pregevole che ha dimostrato il valore dell’attuale giocare del Paris Saint Germain. Finisce col doppio svantaggio il primo tempo dell’Italia. Una squadra che dopo l’eliminazione dai playoff per i Mondiali in Qatar non si è ripresa. Le assenze hanno pesato tanto, ma l’errore di Donnarumma sul secondo gol è stata una mazzata a livello psichico.

Foto Twitter account Italia

Il secondo tempo si apre con una tripla sostituzione: via Belotti, Bernardeschi e Chiellini (alla sua ultima presenza con la maglia dell’Italia) e al loro posto dentro Scamacca, Locatelli e Lazzari. Al 56′ rischio di Bonucci che con un retropassaggio ha messo in seria difficoltà Donnarumma che ha salvato da un clamoroso autogol. Altra occasione dell’Argentina con Di Maria che è stato un autentico spauracchio per la difesa dell’Italia. Il destro del laterale offensivo si è scontrato col portiere azzurro che ha evitato il 3-0. Ma il duello tra i due compagni di squadra al Paris Saint Germain si è riproposto pochi minuti dopo e ancora una volta Donnarumma ha detto no. L’Italia è sparita dal campo e l’Argentina si è presa l’area degli azzurri: questa volta è stato Lo Celso ha sbagliare di un soffio il 3-0. Da registrare l’ingresso di Spinazzola dopo il terribile infortunio durante l’Europeo vinto dall’Italia.

Foto Twitter account Argentina

Si è riacceso Messi e la difesa dell’Italia ha tremato due volte: la prima al 67′ ma Donnarumma ha parato facilmente, mentre al 69′ il portiere azzurro si è superato. L’attaccante del Paris Saint Germain sta letteralmente facendo impazzire la difesa azzurra con tocchi di classe e grandi giocate. L’unica risposta a questo assedio argentino è di Scamacca, ma il giocatore del Sassuolo ha mandato sopra la traversa ed è stato trovato anche in fuorigioco. Nella girandola di sostituzioni per l’Argentina sono entrati: Palacios per De Paul, Pezzella per Romero e Alvarez per Lautaro Matinez. Ed è proprio per il baby del Manchester City che ha provato dalla lunga distanza la via della rete con un pallonetto da centrocampo, ma pallone docile tra le braccia di Donnarumma. Nel finale di gara sono entrati Dybala e Nico Gonzalez al posto di Lo Celso e Di Maria. A fine partita Dybala a campo aperto ha visto l’opzione dello specchio e con enorme dialogo con Messi ha calciato serenamente verso la porta di Donnarumma. La partita è finita 3-0 per l’Argentina che si è aggiudicata la Finalissima con estrema semplicità. L’Italia è resistita solo 20 minuti e nulla più. Soliti problemi di attacco, solito problema offensivo che continua a preoccupare, ma oggi anche la difesa ha retto poco alle incursioni dell’Argentina.