Con il campionato di Serie A vicino alla conclusione, il piazzamento finale delle varie società avrà una certa rilevanza ai fini della distribuzione dei ricavi da diritti tv. Complessivamente nella stagione 2021/22 saranno distribuiti ai club circa 940 milioni di euro netti, cui ne andranno tolti alcune decine tra paracadute, destinato alle tre società che retrocederanno in Serie B e versamento alle leghe inferiori. Nel calcolo sono stati inseriti alcuni parametri tra cui, oltre ad una quota uguale per tutti i club, percentuali in base ai punti conquistati in campionato, ai risultati ottenuti negli ultimi 5 campionati, ai risultati sportivi conseguiti a livello nazionale ed internazionale dalla stagione 1946/47 alla sesta antecedente a quella di riferimento, più la percentuale degli spettatori nel triennio 2017-2020 e l’audience televisiva.

Secondo quanto riportato da Calcio&Finanza, il Torino incasserà poco meno di 40 milioni, precisamente 38,2 milioni di euro così suddivisi: 23,5 per la parte uguale per tutti, 4,8 per il posizionamento in classifica nel campionato 2021/22, 3,5 per ciò che riguarda gli ultimi 5 anni, 2,8 per la storia del club, e 3,5 per la parte relativa alla presenza dei tifosi allo stadio, collocandosi decimo in classifica dietro al Bologna che incasserà 38,5 milioni e davanti alla Samp che ne prenderà 36,9.

La squadra di tutta la Serie A che incasserà di più dai diritti tv sarà l’Inter che guadagnerà 72,6 milioni. Al secondo posto il Milan, attuale capolista della Serie A, con 70,6 milioni, terza la Juventus con 66,6 milioni. Le prime tre classificate sono seguite da Napoli, Roma, Lazio, ed Atalanta. A chiudere la classifica di Serie A dei ricavi da diritti tv sono tre squadre che lottano per la salvezza ossia Spezia, Venezia e Salernitana con la società ligure che prenderà 28,5 milioni, mentre Venezia e Salernitana incasseranno 26,9 milioni.