• Tempo di lettura:3Minuti

Dopo due settimane di sosta per le Nazionali, è tornato il campionato di Serie A e stasera alle 20.45 va in scena una delle sue partite più importanti: il Derby d’Italia tra Juventus e Inter. 

Per l’occasione sono stati venduti più di 40 mila biglietti all’Allianz Stadium e si va verso il sold-out.

Quando scendono in campo queste due squadre non è mai una partita qualsiasi e fu proprio il giornalista Gianni Brera ad accorgersene e a ribattezzare così il match.

Il forte dualismo tra i due club, seppur appartenenti a regioni diverse, risale al 1909 quando si disputò il primo match tra le due squadre. 

Ad oggi sono ben 243 le partite tra nerazzuri e bianconeri con 110 vittorie per la Juventus, 73 per l’Inter e 60 pareggi. 

Questa sera la Juventus a quota 59 punti sogna il sorpasso, l’Inter con una partita ancora da recuperare, ha bisogno di una scossa per riaprire il discorso scudetto. 

Il Derby d’Italia arriva sicuramente in un momento particolare per i bianconeri fatto di conferme positive in campionato ma su cui pesa ancora la pesante sconfitta contro il Villareal in Champions.

In casa dei nerazzurri invece l’umore non è dei migliori visto che la squadra sembra aver perso punti e certezze ed essendo ormai esclusi da un pezzo dai giochi europei. 

Per moltissimi quella di stasera è a tutti gli effetti una partita decisiva: chi vince può ambire allo scudetto, chi perde è tagliato fuori dal sogno del tricolore. 

Con queste premesse è certo che stasera la sfida sarà accesissima in campo e sugli spalti. 

Vediamo quindi le scelte dei due allenatori. 

JUVENTUS, RECUPERI IMPORTANTI PER ALLEGRI

Il tecnico bianconero lo ha chiarito oggi in conferenza stampa: 

Quando ci sono queste partite è difficile dire chi è la favorita. Noi non giochiamo per far perdere lo scudetto all’Inter, noi giochiamo per fare punti e per far sì che la Juve possa arrivare tra le prime quattro. Il nostro obiettivo è giocare la Champions l’anno prossimo”.

Per vincere Allegri puó contare sul ritorno in gruppo di Zakaria e di Alex Sandro con Bonucci presente in panchina. 

In difesa ci sarà la coppia De Ligt – Chiellini mentre a centrocampo ci saranno quindi ottime chances di rivedere Zakaria con Locatelli. 

In attacco c’è un dubbio se giocare con il tridente mentre è certa la presenza di Dybala dal 1’, per lui potrebbe essere l’ultimo derby d’Italia sicuramente da bianconero. 

Unico squalificato: Luca Pellegrini. 

4-2-3-1: Szczesny, Danilo, de Ligt, Chiellini, Alex Sandro; Zakaria, Locatelli; Cuadrado, Dybala, Morata; Vlahovic. 

INTER, UN BALLOTTAGGIO PER INZAGHI

Simone Inzaghi sembra condividere l’idea che quella di stasera sia una partita decisiva per i nerazzurri come ha lui stesso affermato oggi in conferenza stampa: 

Penso che sarà una partita molto importante e penso che non poteva esserci gara migliore in questo momento per dare un segnale all’ambiente ma soprattutto a noi stessi“.

Anche il tecnico nerazzurro potrà contare su un recupero importante a centro campo come quello di Brozovic che giovedì è tornato ad allenarsi col gruppo. 

In difesa D’Ambrosio avrà la meglio su De Vrij, mentre Dumfries a destra è in

ballottaggio con Darmian. Pochi dubbi invece su Perisic a sinistra, mentre in attacco Lautaro

Martinez si è negativizzato ed è in pole per

affiancare Dzeko. 

3-5-2: Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, Bastoni; Dumfries, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Perisic; Dzeko, Lautaro

La partita sarà trasmessa in esclusiva sulla piattaforma Dazn alle ore 20.45 con la telecronaca affidata a Pardo e Ambrosini. 

Arbitro: Irrati

Var: Mazzoleni e Passeri

Assistenti: Ranghetti e Vivenzi 

Quarto uomo: Ghersini